Muà


(anticipo un paragrafo di una mia inchiesta sull’imprenditoria italiana in Turchia che verrà pubblicato su Develop.med dell’Istituto Paralleli; il gelato è buonissimo e il posto incantevole: consiglio a tutti di andare a provarlo)

Chi invece non ha avuto paura di un’avventura all’estero è Elena Pallotta: fiorentina, ingegnere con master in business administration, un passato nella consulenza strategica e nello sviluppo immobiliare, oggi gelataia di successo. Ha aperto il primo negozio a luglio dello scorso anno, ne aprirà altri tre a breve, pensa di poterne aprire trenta – a Istanbul, ma non solo – nell’arco di cinque anni. Tutto pianificato e studiato nei minimi dettagli: dal nome (Muà, il suono del bacio schioccato sulla punta delle dita) al logo, dal gelato con soli prodotti turchi e naturali allo stile inconfondibile di coppette e divise, dal marketing sofisticato e non invadente alla diffusione dell’italianità attraverso la lingua e la cortesia. Imprenditrice per sopravvenuta vocazione, ha pensato al Mediterraneo per il concretissimo sogno: e ha scelto la Turchia per la sua stabilità finanziaria e politica, per le caratteristiche del mercato (molti giovani, borghesia rampante), per la competizione non agguerritissima e commercialmente battibile nel settore dei gelati; si è dovuta scontrare con qualche ostacolo burocratico (soprattutto legato alle traduzioni dei documenti), ha beneficiato dell’abolizione dell’obbligo di un socio turco per le imprese straniere. Il modello è quello della piccola gelateria di quartiere – la prima è a Yeniköy, sul Bosforo – facilmente riproducibile nell’organizzazione; impiega da 3 a 5 persone secondo la stagione, offre 16 gusti a rotazione (solo prodotti freschi, niente fragole d’inverno), coinvolge i bambini in corsi per imparare a fare il gelato: e i genitori ne approfittano, invogliati dal sapore d’Italia.

About these ads
Questa voce è stata pubblicata in Istanbul, Turchia e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

11 risposte a Muà

  1. Pingback: Muà - Istanbul Avrupa - Webpedia

  2. mirkhond ha detto:

    Piccola curiosità

    La Signora Pallotta conosce e parla fluentemente l’Osmanico?

  3. Pingback: BLOG : La voce di quasi tutti

  4. massimo ha detto:

    almeno qualcuno/a continua a tener alte le tradizioni imprenditoriali dell’Italia all’estero e dimostra di possedere ancora la tradizionale inventiva italiana, che purtroppo sembrava un po’ appannata ::D

  5. massimo ha detto:

    :D

  6. Daniela ha detto:

    ok, bravissima. Ma a me piace tanto il gelato turco… :-))

  7. Pingback: Muhallebi a Kurtuluş | Istanbul, Avrupa

  8. ROSSELLA ha detto:

    bravissima, l’Italia è finita e chi ha il coraggio di andare fuori è vincente; ITALAINI SVEGLIA FARETE LA FINE DELL’ARGENTINA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...