Nos dos yabancı


Nella mia intervista al ministro Bağış ho fatto cenno al villaggio di Kuzguncuk, sulla sponda orientale del Bosforo:

Troviamo esempi di tolleranza evidenti, come la sinagoga, la chiesa cristiana armena e quella ortodossa costruite fianco a fianco nel villaggio sul Bosforo di Kuzguncuk.

Qualche giorno fa, visitando la splendida mostra fotografica – foto della sponda orientale del Bosforo nel XIX secolo – del Pera Museum, ho scoperto qualcosa di affascinante: un modo di dire in ladino (Kuzguncuk è stato storicamente a maggioranza ebraica: ebrei fuggiti dalla Spagna dopo il 1492) frequentemente usato nel villaggio, “Nos dos yabancı, yes konu komşi” (“Non ci sono stranieri tra di noi, siamo tutti vicini”). Ed è questo spirito che la Turchia del XXI secolo sta cercando di recuperare.

About these ads
Questa voce è stata pubblicata in arte e mostre, cristiani d'Oriente, Islam, Turchia e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Nos dos yabancı

  1. mirkhond ha detto:

    (“Non ci sono stranieri tra di noi, siamo tutti vicini”)

    Lo spirito dei miei sogni…..

    ps. Kuzguncuk è vicino a Kadikoy?

  2. Pingback: Nos dos yabancı - Istanbul Avrupa - Webpedia

  3. Pingback: Streets of Memory | Istanbul, Avrupa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...