Magdi Cristiano Allam e la Turchia


(sulla questione di Cipro però non ha tutti i torti; per il resto, un cumulo di scemenze: le stesse che peraltro si leggono su buona parte della stampa “occidentale”)

Magdi Cristiano Allam, europarlamentare e presidente del movimento politico “Io amo l’Italia” che aderisce al Gruppo dell’Europa della Libertà e della Democrazia (Eld) in seno al Parlamento Europeo, è intervenuto oggi nel corso della sessione plenaria a commento della Relazione sull’allargamento dell’Unione Europea alla Turchia. Allam ha chiarito che né sul piano geografico né sul piano valoriale e politico la Turchia ha i requisiti per poter aderire all’Unione Europea. Ecco il testo del suo intervento:

“Leggendo la proposta di risoluzione di cui è relatrice il deputato del Ppe Ria Oomen-Ruijten mi sono domandato di quale Europa si stia parlando e a quale Turchia si fa riferimento. Che cosa è per noi l’Europa di cui disconosciamo che la sua civiltà laica e liberale si fonda sulle radici giudaico-cristiane e su valori non negoziabili alla vita, alla dignità e alla libertà? Ebbene se voi consideraste l’Europa come una semplice entità geografica, dovreste rendervi conto che la Turchia non è Europa dal momento che il 97% del territorio turco è in Asia. Se voi consideraste che l’Europa è la patria dei diritti fondamentali della persona dovreste dedurre che la Turchia non ha nulla a che spartire con l’Europa.

Così come deve essere sfuggito che la Turchia laica fondata nel 1924 da Ataturk non esiste più, che al suo posto si è imposto un regime islamico il cui primo ministro Erdogan è stato condannato e arrestato nel 1998 per incitamento all’odio religioso per aver declamato pubblicamente i versi del poeta Ziya Gökalp: “Le moschee sono le nostre caserme, le cupole i nostri elmetti, i minareti le nostre baionette ed i fedeli i nostri soldati”. Erdogan, nella cosiddetta “Primavera araba”, ha favorito l’avvento al potere di regimi islamici integralisti ed estremisti nell’insieme del Medio Oriente. Secondo Erdogan Israele sarebbe uno Stato terrorista e Hamas, che ad oggi è nella lista delle organizzazioni terroristiche dell’Unione Europea e dell’Onu, è da lui considerato un movimento di liberazione nazionale da sostenere. Sino ad oggi in Turchia è reato denunciare il genocidio di un milione e mezzo di cristiani armeni. Negli ultimi anni la persecuzione e l’assassinio dei sacerdoti cristiani è cresciuta. Ma soprattutto mi domando come sia possibile che l’Unione Europea continui a trattare e a corteggiare la Turchia senza porre come condizione pregiudiziale il ritiro dell’esercito turco che dal 1974 occupa illegalmente una porzione di territorio europeo, ossia il settore settentrionale dell’isola di Cipro. Per l’insieme di queste ragioni io sono fermamente e totalmente contrario all’adesione della Turchia nell’Unione Europea”.

About these ads
Questa voce è stata pubblicata in cristiani d'Oriente, disinformazione, Islam, politica estera, Turchia e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Magdi Cristiano Allam e la Turchia

  1. Pingback: BLOG : La voce di quasi tutti

  2. Pingback: La Turchia e i pregiduzi degli italiani (5) | Istanbul, Avrupa

  3. Pingback: Magdi Cristiano Allam e la Turchia - Istanbul Avrupa - Webpedia

  4. Guido Ruffoni ha detto:

    Povero Magdi, ora Cristiano, Allam! Neppure sa che l’esercito turco era pienamente legittimato a intervenire a Cipro (repubblica asiatica, non europea) in presenza di una violenta alterazione degli equilibri etnici e/o politici. Ciò è stato fissato nel Trattato di Zurigo del 1960 che portò alla nascita di Cipro come nazione indipendente e con la designazione dell’arcivescovo Makarios a suo primo Presidente della Repubblica. Essere (o sentirsi, come lui) occidentale, vuol dire anche studiare un po’ di storia. Non molta: basta un po’.

    • Istanbul, Avrupa ha detto:

      di intervenire in ‘missione di pace’ si’, di rimanerci poi per qualche decennio no…

      posso chiederti pero’ in base a quali criteri definisci Cipro una ‘repubblica asiatica’?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...