A Parigi, triplice omicidio di attiviste curde


(fonte, Anf. chissà se mai si saprà chi è stato:  soprattutto se la matrice è politica e magari legata ai negoziati Turchia/Pkk recentemente ripartiti)

Tre attiviste curde sono state ritrovate morte con ferite da arma da fuoco alla testa a Parigi nelle prime ore di questa mattina.

Una delle donne è Sakine Cansiz, co-fondatrice del PKK (Partito dei Lavoratori del Kurdistan). Le altre due donne sono Fidan Dogan, 32 anni, rappresentante del KNK (Congresso Nazionale Curdo, Kurdistan National Congress) a Parigi e Leyla Söylemez.

Il Ministro degli Interni francese Manuel Valls ha descritto le uccisioni come “intollerabili”.

Il movente della sparatoria non è chiaro.

“La scena [del crimine] potrebbe indicare che sia stata una esecuzione, ma l’indagine dovrà stabilire le esatte circostanze di quanto avvenuto”, ha dichiarato una fonte di polizia ai giornalisti francesi.

Il Ministro Valls è presente sul luogo della sparatoria.

“Questi assassinii non sono tollerabili, e spero che l’inchiesta faccia rapidi progressi ma lasciamo che gli investigatori facciano il loro lavoro”, ha dichiarato alla radio France-Info.

La Federazione delle Associazioni Kurde in Francia (Feyka) ha indetto una manifestazione a Parigi.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in politica interna, Turchia e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a A Parigi, triplice omicidio di attiviste curde

  1. Pingback: A Parigi, triplice omicidio di attiviste curde - Istanbul Avrupa - Webpedia

  2. gixeco ha detto:

    Sinceramente non mi viene in mente un movente (semplice), se i discorsi di pace sono avviati e si cercano soluzioni diplomatiche (una regione autonoma e’ fattibile e sarebbe un buon inizio) chi e perche’ avrebbe interesse a rifomentare il problema con queste uccisioni?
    Purtroppo l’area DEVE rimanere instabile, e la Turchia e’ membro NATO, i confini sono importanti e l’area e’ altrettanto importante strategicamente…meglio avere militari alleati in zona.. Credo che semmai turchi e curdi raggiungano un accordo, una terza forza esterna fara’ qualcosa per ri-destabilizzare l’area…succede dal 1915, e la pace in quest’area non dipende solo da chi ci vive.

    • Istanbul, Avrupa ha detto:

      quello che scrivi e’ pienamente condivisibile; io pero’ non escludo una lotta interna al Pkk o un’azione di “Ergenekon” (in senso lato)…

      • gixeco ha detto:

        Ergenekon la lascerei fuori, solo perche’ anche le forze kemaliste non sono proprio in ottimi rapporti con i francesi a causa della posizione avversa della Francia verso qualsiasi cosa la Turchia faccia o non, mi pare ovvio che il pensiero francese va da altre parti, in particolare verso i propri interessi, soprattutto storici. La questione armena e’ una questione importante, e la Francia ha sempre una certa fretta a parlarne in proprio interesse e…a pensar male si fa peccato! Di problemi interni al PKK non ne so nulla, ma diversi lettori del blog sono molto ferrati, spero condividano i propri pensieri.

        • Istanbul, Avrupa ha detto:

          i negoziati di pace sono stati sabotati altre volte (attacchi Pkk estate 2011, diffusione registrazioni Oslo, Uludere): ma anche la Francia potrebbe essere un obiettivo, perche’ ospita la diaspora – anche politicizzata – curda… e perche’ ci si aspetta un miglioramento dei rapporti bilaterali…

  3. Andrea ha detto:

    Sono d’accordo con Gixeco: una Turchia perennemente militarizzata e ossessionata da problemi securitari fa comodo a molti, dentro e fuori i confini del paese, ed è chiaro come queste forze spingano verso uno “stato d’eccezione permanente”. E’ successo più volte, in tempi anche recenti. E questo tipo di spinte costituisce il motivo principale per il quale ancora oggi la maggior parte dei turchi, dopo 93 anni, sembra risentire della sindrome di Sevres.

  4. Stefano ha detto:

    E certo, il fantomatico Ergenekon…
    So che porta anche il carbone ai bambini cattivi! Ma per favore…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...