Bari, il genocidio armeno, la Turchia: la risposta del sindaco Emiliano


Ieri ho parlato dell’iniziativa del Comune di Bari volta al “riconoscimento” del genocidio armeno: e ho chiesto – anche su twitter – se le istituzioni locali non avrebbero forse altri problemi di maggior rilevanza per i cittadini di cui occuparsi.

In serata – sempre via twitter – è arrivata la risposta del sindaco, Michele Emiliano (@micheleemiliano):

non ci sono cose più importanti di 1,5milioni di uccisi perchè armeni. Lei dice questo proprio nel giorno della Memoria?

Ho fatto notare che – a parte il fatto che nella Giornata della Memoria si ricorda esclusivamente l’Olocausto – sono gli storici e non i comuni a essere attrezzati per studiare e interpretare quanto accaduto 100 anni fa nell’allora Impero ottomano; il sindaco però ha continuato a dissentire:

io mi pronuncio liberamente sulla Storia di qualunque Paese é diritto di tutti giudicare liberamente la Storia!

il giudizio della Storia non é riservato agli storici ovviamente, sarebbe paradossale e un po’ fascista!

E ancora:

la sua è esattamente la posizione della Turchia, che non vuole ammettere il genocidio, e vuole “studiare” la storia

In effetti, questa posizione presupporrebbe due cose: che i fatti siano tutti conosciuti, che ci sia unanimità sulla loro interpretazione; ma non è così: gli archivi sono in larga parte inesplorati, il dibattito storiografico è ancora in atto (anche se è largamente predominante l’opinione a favore di un vero e proprio genocidio: che non mi convince del tutto, che comunque trovo sensata). In ogni caso, anche se tutto si sapesse e anche se ci fosse un’unanimità storiografica (cosa quest’ultima impossibile!), non vedo come e perché a un qualsiasi stato debba essere imposto di “ammettere” qualcosa: ne ho parlato in questo articolo di due anni fa. In ogni caso, come regola generale penso che le istituzioni – locali e nazionali – abbiano una funzione fondamentale e su questa dovrebbero concentrarsi: rendere possibile la libera ricerca, preservando e rendendo accessibili gli archivi e tutte le altri fonti memoriali – anche orali – disponibili (in questo, purtroppo, anche nel recente passato la Turchia ha mostrato manchevolezze enormi: tuttavia, ormai molti tabù su quanto accaduto – anche in altri fasi storiche – sono inesorabilmente caduti). Libertà di ricerca e di espressione: questi sono i capisaldi di una democrazia matura, non l’imposizione per legge di Verità assolute (soprattutto quando riguardano la storia in gran parte altrui).

Ho invece apprezzato il lavoro che il Comune di Bari fa sulla memoria della componente armena della sua popolazione, presente in Puglia da oltre un millennio e poi rinnovata dai rifugiati del post 1915: attività generalmente culturali e dall’alto valore simbolico, sempre concordate con i rappresentanti della comunità armena.

Non ho però ottenuto una copia della delibera – non ancora discussa, né tantomeno approvata – cha sancisce il “riconoscimento”: sarei stato davvero curioso di conoscerne in anteprima il contenuto; l’articolo de La Repubblica che mi ha spinto a scrivere sull’argomento pubblica invece ampi stralci di una lettera inviata dall’ambasciatore Hakki Akil, ma il sindaco Emiliano – che ringrazio per il suo intervento – parla di “proteste turche (peraltro mai arrivate ufficialmente)“. L’ambasciatore di Turchia in Italia allora cos’ha inviato, di preciso? E chi ne ha passato copia ai colleghi di Repubblica, così da scatenare la polemica?

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Turchia e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Bari, il genocidio armeno, la Turchia: la risposta del sindaco Emiliano

  1. Pingback: Bari, il genocidio armeno, la Turchia: la risposta del sindaco Emiliano - Istanbul Avrupa - Webpedia

  2. Niccolò Fattori ha detto:

    “io mi pronuncio liberamente sulla Storia di qualunque Paese é diritto di tutti giudicare liberamente la Storia!”

    Allora anche io posso pronunciarmi liberamente su cose di cui non so distinguere capo e coda.
    Tipo: la fusione fredda è una cazzata, sarei capace di farla nella mia cucina, se avessi i materiali.

    • Istanbul, Avrupa ha detto:

      beh, pensa a tutti quelli che parlano di politica senza avere le necessarie competenze (nessun problema quando lo si fa a casa propria o al bar, ovviamente): ad esempio a quelli che lo fanno su carta stampata e in tv/radio, riguardo proprio la Turchia… 🙂

  3. Andrea ha detto:

    “io mi pronuncio liberamente sulla Storia di qualunque Paese é diritto di tutti giudicare liberamente la Storia!”: ci mancherebbe altro. Il punto è che lui, in quanto sindaco, si è fatto promotore del riconoscimento formale del genocidio da parte della città di Bari. La qual cosa non è esattamente espressione di un’opinione personale, oltre a non essere il consiglio comunale di Bari il luogo dove prendere decisioni di questo tipo su avvenimenti storici che – al netto della presenza armena nella città pugliese – non hanno alcun legame con la storia del territorio.

  4. Claudio ha detto:

    a quanto pare finalmente Erdogan ed il governo turco hanno riconosciuto il genocidio armeno dopo 100 anni, quindi il sindaco ha ragione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...