La Turchia e i pregiudizi degli italiani (71)


Questa entra di prepotenza in rubrica! Da un articolo sulle restrizioni al fumo del narghilé in una pubblicazione online:

Nel XVI Secolo, dopo la morte di un pascià che, considerando tabacco e caffè alla stregua di pericolose droghe, aveva pensato bene di vietarne il consumo, i Turchi ricominciarono a fumare in piena libertà, anche in modo eccessivo. Al punto che, notoriamente, a loro è spettato, nei secoli successivi, il famoso primato, sfociato poi nel detto comune: “fumare come un turco”.

[…]

Un’ iniziativa, quella del Governo, che ha tutto il sapore di una vera e propria rivoluzione. Nel Paese, infatti, accendere una sigaretta è sempre stato un gesto comune, considerato alla mercé di un diritto. Il popolo turco, nel vizio del fumo, si è sempre riconosciuto, al punto da individuarne il principale tratto identitario.

Eggià, il “Paese della sigaretta accesa…” (il tono dell’articolo è serioso, non si tratta di una battuta!).

Ma che ci si può aspettare da chi scrive che:

Tuttavia, nonostante la sua storia secolare, nelle principali città del Paese, dai quartieri occidentali di Ankara fino alle zone arabe di Istanbul, passando per le strade rurali, i turchi sembrano rispettare il divieto. ?

Le “zone arabe” di Istanbul? Mah, io ancora non sono riuscito a scoprire quali sono: chi mi dà qualche suggerimento per trovarle?

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in disinformazione, Istanbul, Turchia. Contrassegna il permalink.

10 risposte a La Turchia e i pregiudizi degli italiani (71)

  1. Pingback: La Turchia e i pregiudizi degli italiani (71) - Istanbul Avrupa - Webpedia

  2. mirkhond ha detto:

    E quali sono invece i pregiudizi dei Turchi nei confronti degli Italiani? 😉

    • Istanbul, Avrupa ha detto:

      sinceramente non so risponderti, non mi sembra ce ne siano di particolarmente evidenti o diffusi…

      • Burak ha detto:

        Non so se questo possiamo chiamarlo come un pregiudizio dei Turchi contro gli Italiani, ma posso dire che fino a 10/15 anni fa quando in Turchia si parlava degli italiani le cose che venivano in mente erano (in questo ordine): Mafia, Calcio, Spaghetti.. Mentre negli ultimi anni viene in mente: Crisi economica, Berlusconi e le sue vicende, Calcio..

        Dal punto di vista di un turco, in generale i Turchi e gli Italiani si sentono abbastanza vicini, mediterranei di sangue calda, e casinari 🙂

  3. mirkhond ha detto:

    Giuseppe, i tuoi parenti di Kadikoy sono degli accaniti fumatori? 😉
    La dolce metà fuma come….una turca? 🙂
    Tu fumi parecchio?

  4. Bernardo ha detto:

    Ci sono anche i pregiudizi dei Turchi nei confronti degli Italiani, tranquilli. Solo che forse non ricevono così tanta continua attenzione e non vengono presi per “pregiudizio di un’intera nazione” il commento di alcuni sparuti individui (è il mio solito discorso, inutile ribadire…)

    • Istanbul, Avrupa ha detto:

      a me sembra di scrivere in un italiano comprensibile: ‘La Turchia e i pregiudizi degli italiani’. I-T-A-L-I-A-N-I. dov’e’ che ho mai sostenuto che si tratta dei pregiudizi di un’intera nazione? pero’, si’: ne trovo un bel po’ un po’ dappertutto, quindi mi sento autorizzato a considerarli piuttosto ‘tipici’.

      se poi avrai la cortesia di rispondere alle domande che ti ho posto nei giorni scorsi, te ne saro’ grato (tu sapevi – ad esempio – che la Turchia ha recentemente formalizzato un’alleanza con l’Iran? https://istanbulavrupa.wordpress.com/2013/02/02/marta-ottaviani-e-lalleanza-tra-turchia-e-iran/ ecco da dove nascono i pregiudizi e le idee distorte sulla Turchia…)

      • ricciarmani ha detto:

        Abbi pazienza: forse c’e’ un problema di terminologia e non voglio essere presuntuoso, ma dal mio modesto punto di vista dire “pregiudizi degli italiani” non e’ dissimile da dire “pregiudizi di una nazione”.

        In ogni caso, l’ho gia’ detto altre volte: se te prendi un commento di una persona (uno qualsiasi, indipendentemente dalla sua autorevolezza) e lo riporti come “pregiudizio degli italiani”, secondo me fai una estrapolazione “dal singolo alla collettività” che per forza di cose perde di significato. La tua rubrica all’inizio poteva avere un senso – me li sono letti tutti i pregiudizi, e in effetti mi sono trovato anche io a spiegare alle persone che la Turchia non e’ come molti Italiani pensano – ma adesso trovo che questa sia diventata una caccia al blog, al commento o allo sfondone che per quanto mi riguarda (e sottolineo “per quanto mi riguarda”) e’ fine a se stessa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...