Turchia ed Eu, la Francia sblocca i negoziati


Come ho più volte scritto, l’elezione di Hollande alla presidenza francese e – quel che è più importante – l’uscita di scena di Sarkozy ha dato nuova speranza per un rilancio dei negoziati di adesione all’Ue. Si sta lavorando per una visita di stato per marzo/aprile, le mie fonti diplomatiche si aspettano la revoca del veto a un paio di capitoli negoziali, sui 5 bloccati da Parigi.

Ieri, si sono incontrati – nella capitale francese, ai margini di una conferenza internazionale sulla Libia – i due ministri degli esteri: e come largamente anticipato, è stato dato l’annuncio della prossima apertura del capitolo 22, quello sulle politiche regionali. Un segnale importante, ma eccessivamente timido: affinché i negoziati assumano finalmente il giusto ritmo, è necessario che Parigi prenda coraggio ed elimini tutti e 5 i veti (anche per mettere pressione alla repubblica di Cipro, che ne blocca – se non ricordo male – altri 8).

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in politica estera, Turchia e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

11 risposte a Turchia ed Eu, la Francia sblocca i negoziati

  1. Pingback: Turchia ed Eu, la Francia sblocca i negoziati - Istanbul Avrupa - Webpedia

  2. mogol_gr ha detto:

    Sì anche l’Egitto.

  3. Paolo Oddenino Paris ha detto:

    La Turchia non e’ ne geograficamente ne culturalmente Europea, e non deve assolutamente entrare nell’UE. Intanto un Paese che si permette di fare incursioni aeree nei Paesi vicini per sterminare i Curdi non dovrebbe neanche avere il coraggio di chiedere di entrare nell’UE: l’unico interesse perche’ la Turchia entri nell’EU e’ da parte dei banchieri che cosi’ possono dare un bel colpo di grazia anche all’economia Turca imponendo il signoraggio bancario attraverso l’Euro.

  4. Andrea ha detto:

    Tralasciando il “gombloddo del signoraggio”… Vedo che invece nell’UE chi fa “incursioni aeree” in paesi lontani per bombardare Iraq, Libia e Mali (per limitarci ai casi più recenti) è molto ben accetto! Aprire gli occhi sul mondo prima di parlare è sempre una buona norma.

    • Istanbul, Avrupa ha detto:

      al di la’ di questo… per parlare di ‘sterminio’, da qualche parte deve averla sentita o letta! sto cominciando a rendermi conto che la disinformazione sulla Turchia nasce su tre fronti: kemal-leghisti, sinistra militante (i Tetta, gli Spinella), comunita’ curde. tre contro uno, non vale 🙂 !!!

  5. Giulia ha detto:

    Io sono d’accordo sia con Paolo Paris che con Andrea: la Turchia per molti lati è semplicemente uguale agli aspetti politici imperialisti negativi di Europa ed Occidente. Ma quello che ha detto Paolo Odennino Paris riguardo alle banche turche pensiamo non sia vero? Se la Turchia volesse ancora entrare a far parte dell’Europa e’ solo ed esclusivamente per i vantaggi o svantaggi economici che questo le puo’ portare, sicuramente non e’ una questione o un’unione culturale. Io non so se l’Europa deve avere un limite o meno, ne’ quale essi sia. Ma sono certa che se si conosce un po’ la Turchia e si è viaggiato concretamente in questa nazione, si puo’ di sicuro affermare che la Turchia e’ molto diversa dall’Europa (sia in positivo che in negativo). Cio’ non esclude assolutamente un’unione di questo paese e di altri paesi come l’Egitto o la Tunisia con gli altri paesi europei, ma questa unione dovrebbe secondo me cambiare nome: Unione Europea Mediterranea o qualcosa del genere. Perche’ purtroppo per la nostra visione, non credo il nome Europa (che e’ solo un significante, riempito purtroppo o per fortuna di significati accolti ed ormai fatti propri dalla maggior parte) possa rappresentare appieno una unione del genere, che sarebbe per molte ragioni, e SOPRATTUTTO se sapessimo e VOLESSIMO sfruttarla non solo dal punto di vista economico, molto arricchente sia per gli “odierni” stati europei che per la Turchia ed altri stati del nord Africa o del Medio Oriente ad orientamento Islamico.
    Secondo me molto dipende da cosa intendiamo con la parola Europa,
    La vicinanza geografica non significa automaticamente somiglianza culturale.
    Personalmente penso che la concezione di “liberta” nel Nord-Europa sia molto diversa da quella della Turchia e di altri paesi , anche perche’ fondamentalmente e’ anche la cultura islamica ad essere profondamente diversa dalla nostra cultura.

    • Istanbul, Avrupa ha detto:

      scusa, Giulia: ma tu ce la vedi veramente tutta questa uniformita’ culturale tra i 27 paesi dell’Unione europea? oppure tra una qualsiasi media citta’ italiana… e il paesottolo sperduto dell’Aspromonte o della Barbagia?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...