Istanbul, Europa: Le 10 cose da (assolutamente) non fare a Istanbul


IMG_7417Mi sono state chieste delle brevi e spiritose guide in pillole – 10, come i comandamenti (paragone forse blasfemo, ma pertinente) – su cosa fare e non fare una volta che avrete deciso di venire a Istanbul; accetto con entusiasmo l’incarico, la sfida: poi magari col contributo di tutti possiamo migliorarle. Inizio coi divieti, mi sento più a mio agio.

Primo, se avete due giorni di tempo – almeno la vostra prima volta – non veniteci per niente a Istanbul; non ne vale la pena: tra viaggio e tutto il resto non avrete modi di rendervi conto di cos’è e di come funziona la città. So che delle agenzie di viaggi propongono formule sprint a tappe forzate: le moschee di Sultanhamet, il palazzo ottomano di Topkapı il gran bazar, un kebab al volo, Taksim; resistete alla tentazione: finireste coll’avere di Istanbul una visione fuorviante, perché questa città è enorme e amministrativamente nata dalla fusione di 800 tra villaggi e insediamenti diversi, tra l’altro abitanti da una o più minoranze etniche e linguistiche (non dico che bisogna vederli tutti, ma qualcuno sì: Kuzguncuk, ad esempio).

Secondo, non venite a Istanbul ad agosto: può fare parecchio caldo ed esserci un’umidità spaventosa; la trovereste semi-abbandonata, percorsa da orde di turisti allo sbando: sofferenti e appiccicaticci. Molto meglio venire ad aprile – maggio, oppure a cavallo tra settembre e ottobre: il clima è migliore, la città è più animata (e non avrete la sgradevole sensazione di essere a un luna park verso l’ora di chiusura); in questi altri periodi – ma anche ad agosto, non si sa mai – non venite abbigliati come se andaste a Miami: di sera può fare freschetto a causa dei venti freddi balcanici e siberiani (Istanbul non è protetta da montagne e tutto ciò che arriva si scatena allegramente), se non siete dei fachiri sono obbligatori scarpe chiuse e una bella giacca.

Terzo, non scegliete un hotel a Sultanahmet; so che esistono combinazioni di prezzo favorevolissime e che c’è l’illusione di avere “le cose principali” a portata di piede: ma poi al tramonto vi trovereste nel deserto, con la tentazione dei ristoranti turistici (qualità del cibo non eccellente, costi da primato) e circondati solo ed esclusivamente da altri turisti. Lì, infatti, non ci abita praticamente più nessuno. Rivolgetevi altrove, la zona di Galata ad esempio: vita serale e notturna più invitante e “autentica”, distanza comunque ridotta.

[…]

(per leggere gli altri 7 comandamenti, cliccate qui)

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Istanbul, Turchia. Contrassegna il permalink.

9 risposte a Istanbul, Europa: Le 10 cose da (assolutamente) non fare a Istanbul

  1. Pingback: Istanbul, Europa: Le 10 cose da (assolutamente) non fare a Istanbul - Istanbul Avrupa - Webpedia

  2. raffaele morani ha detto:

    Sono riuscito a non fare nessuna dell 10 cose!! Aspetto l’elenco delle cose da fare con ancora più interesse!! 🙂

  3. Giù ha detto:

    [La Turchia e i pregiudizi (ironici) degli italiani] Cose da non fare: andare a Fener con i collant in vista, un gruppetto di bambini tenterà di alzarvi la gonna! 😀

  4. Giù ha detto:

    Pischellini di nove – dieci anni, gli unici english speaker della zona attorno al greek college peraltro 🙂

  5. Margoo ha detto:

    Hahaha! Io ho abboccato al trucco del lustrascarpe! E mi hanno ripulito ben bene!

  6. Pingback: Cinque cose che amo a Istanbul | orizzonti

  7. Pingback: tuCinque cose che amo a Istanbul | orizzonti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...