Hamam, sodomiti e turisti fessacchiotti


(tratto dal blog di prima, Travelblog.it; sbaglio, o qualcuno si diverte alle spalle dei turisti fessacchiotti e abbocconi?)

Il secondo hammam che ho provato è stato invece il mio personale riscatto. Cagaloglu si chiama (segnalato in “100 luoghi da visitare prima di morire”, ripreso anche in una scena di Indiana Jones) ed è a due passi dal Topkapi. Per prima ho scelto l’orario giusto: l’ora di pranzo e infatti non c’era nessuno (l’altro hammam era affollatissimo, siamo andati alle 7 di sera…). Il massaggio è stato lungo, energico, ma mai violento ed è stato coronato da un trattamento esfoliante di massaggio con il sapone che ricordo come se fosse adesso.

Esteticamente anche questo hammam è meraviglioso, e in più ha anche una sala del caldo dove la temperatura raggiunge allegramente i 50 gradi. Unico difetto: uno dei massaggiatori si aggira facendoti il solletico sotto i piedi e sorridendo in maniera vagamente sospetta, ma credo sia un atteggiamento comunque del tutto innocuo, se poi avete problemi di omofobia non so che dirvi. Per finire, una volta usciti ci si può anche stirare un sonnellino nel proprio spogliatoio personale che ha un suo letto. E una volta svegli di nuovo, un tè con qualche lukum è quello che serve per finire questo trattamento del piacere.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in disinformazione, Istanbul, Turchia. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Hamam, sodomiti e turisti fessacchiotti

  1. Daniela ha detto:

    Guarda che molti uomini hanno difficoltà psicologiche all’idea di farsi massaggiare nel hamam! Non gli piace essere toccati così energicamente da un altro uomo semi-nudo. Ne conosco diversi: la sospetta omosessualità del massaggiatore o la sospetta omofobia del massaggiato non c’entrano…. 🙂

    • Istanbul, Avrupa ha detto:

      non pensi che quel massaggiatore abbia voluto di proposito farsi ‘sospettare’? non ti sembra un atteggiamento un po’ troppo plateale, proprio mentre lavorava? secondo me, ha ‘giocato’ proprio sulle difficolta’ psicologiche del nostro amico: divertendosi alle sue spalle…

      • Max ha detto:

        Concordo a pieno!
        Io personalmente frequento hamam reali (vale a dire non turistici) nella zona di Kadikoy ed ogni volta che ci vado con un amico straniero (non turco o che comunque non parla il turco) si comportano cosi’ anche con lui. Si divertono a prendere in giro i clienti alle prime armi proprio perche’ sanno dello stereotipo che gira su di loro 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...