Il nuovo Medio oriente di Bülent Keneş


Segnalo un articolo particolarmente interessante di Bülent Keneş, l’editor in chief del quotidiano turco Today’s Zaman: “The New Middle East“, del 26 marzo. Keneş, infatti, riflette sul futuro della regioneinvestita dalle crisi in Siria e in Iraq, oltre che dal nuovo rapporto che sta prendendo forma tra Turchia e curdi: e ipotizza la distruzione del vecchio ordine creato all’indomani della Prima guerra mondiale e l’emergere di un ordine nuovo e diverso. Il problema di fondo – come illustrato magistralmente da David Fromkin in A Peace to End All Peace, The Fall of the Ottoman Empire and the Creation of the Modern Middle East (lettura indispensabile per chi si occupa di questi temi) – è che i confini imposti dopo la disgregazione dell’Impero ottomano sono del tutto artificiali e arbitrari: e perciò il giornalista di Zaman ipotizza la frammentazione ulteriore di Iraq e Siria e la loro riconfigurazione – su base prevalentemente etnica – in un grande stato degli arabi sunniti, due stati sciiti in Iraq e in Siria (pro-Iran), uno stato cristiano in Siria, uno stato curdo (curdi iracheni e curdi siriani) che potrebbe diventare parte integrante di una “nuova Turchia” su base federale.

Faccio la stessa domanda che ha fatto lui: che ne pensate? A me convince poco il discrimine tra stati su base etnica (ed esclusiva) da un lato e Turchia federale (e inclusiva) dall’altro.

 

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in politica estera, Turchia. Contrassegna il permalink.

26 risposte a Il nuovo Medio oriente di Bülent Keneş

  1. enis ha detto:

    Una sola cosa si puo’ dire :
    Sognare é gratis……

  2. Pingback: Il nuovo Medio oriente di Bülent Keneş - Istanbul Avrupa - Webpedia

  3. Max ha detto:

    Mah….. molto fantasioso…..

    • Istanbul, Avrupa ha detto:

      cos’e’ che trovi ‘fantasioso’?

      che i confini esistenti siano artificiali, e’ un dato di fatto…

      • enis ilkin ha detto:

        Ma come si puo’ dire che i confini esistenti sono artificiali, chi l’ha detto. I confini d’oggi sono tutti ottenuti con il sangue dei ns.martiri e grazie ad ATATURK e vanno conservati come sono. Nessuno puo’ cambiare i ns. confini, nemmeno Erdogan che é un GİOCATTOLO nelle mani degli USA e di tutte le forze imperialiste..

        • Istanbul, Avrupa ha detto:

          beh, lo dicono tutti quelli che hanno un minimo di conoscenza dei fatti storici 🙂

          comunque con ‘confini artificiali’ mi riferivo piu’ che altro a quelli di Siria e Iraq, stati creati a tavolino – con dei tratti di penna – da regno unito e Francia dopo la Prima guerra mondiale: e se Siria e Iraq si trovano al confine con la Turchia, la colpa non e’ di certo mia…

  4. eustakyo manopulo ha detto:

    Dopo la prima guerra mondiale soltanto l’impero ottomano ha perduto le sue terre.Da tre milioni di km quadrati e’ sceso a 780 mila km quadrati gli altri perdenti hanno pagato risarcimenti ma senza variazione significativa dei loro confini. L’occidente in generale e l’İnghilterra in particolara avevano come scopo principale,oltre a frantumare l’İmpero, i a)eliminare il Califfato per togliere ai resti dell’impero influenza di ogni tipologia sul resto musulmano del medio oriente allo scopo di impedire ogni possibilita’,al nuovo stato, di ottenere facilitazioni economiche nelle forniture dell’indispensabile PETROLİO. b) non lasciare al nuovo stato nessunissimo territorio che possa contenere petrolio. İl nord dell’İrak ,abitato oggi dai curdi,era patria originale indivisibile dell’İmpero ottomano,pero in questa regione esistono KERkuk e Musul con i loro importanti giacimenti di petrolio,quindi,contro ogni regola diplomatica e di diritto internazionale,sono stati tolti alla nuova Turchia. İ kurdi dell’İrak sono quindi strettamente imparentati con i curdi dell’Anatolia. İ curdi della SİRia sono pure molto vicini ai curdi turchi. Nessuna di queste minoranze,anche se ottenesse l’indipendenza,per motivi strategici e geografici,potrebbe mai sopravvivere. L’analisi politica dimostra che la probabilita’ che un giorno tali curdi possano federativamente unirsi ai loro fratelli curdi che vivono in una Turchia ,dove finalmente hanno tutti i diritti democratici, Una Turchia economicamente solida e finalmente, parzalmente, piu’ indipendente di prima. Sarebbe significativo ricordare che i maestri della politica estera nella 1a guerra mondiale,,erano di origine ebraica Lord Curzon). I nostri fratelli ebrei la sanno lunga.e dobbiamo tenerceli buoni. Non dimentichiamo Tony Blair(fratello ebreo) che ha inserito ,malgrado i consigli tenaci contrari dei reali, lÎNghilterra nella guerra dell ‘Irak con tutte le conseguenze. SCUSATE ogni tipo di errore ma per vquestioni di tempo non rileggo cio che scrivo

  5. Andrea ha detto:

    Ve lo dice uno che è rimasto un po’ deluso dalla politica estera di Erdogan nell’ultimo anno e mezzo: se Erdogan è un giocattolo degli USA non oso immaginare cosa potessero essere i primi ministri turchi del passato.. 🙂 Comunque sì, gli attuali confini mediorientali sono quanto di più artificiale possa esistere, ed è inevitabile che presto o tardi questa situazione finisca per implodere. Però credo anch’io – pur auspicando di sbagliarmi – che l’idea di una Turchia federale sia ancora lontana da una sua realizzazione..

    • eustakyo manopulo ha detto:

      caro Andrea per non rimanere deluso devi metterti una camicia turca altrimenti le cose le vedrai dall’ottica degli interessi dell’occidente

  6. eustakyo manopulo ha detto:

    erano giocattolo degli USA e specialmente di İsraele tutti i governi fino ad Erdogan, Quelli che ribadiscono il contrario quindi ,appositamente,cercano di confondere le idee alla gente e sono i kemalisti. İl kemalismo e’ una corrente nata poco prima che Atatürk morisse e fu discreditata da Atatürk stesso . Tale corrente e’ nata nei periodici di un certo Moiz Kohen (Munis Tekinalp) . İ kemalisti hanno avuto incredibili vantaggi , ma tramite la liberta’ di parola garantita dalle riforme democratiche di Erdogan,hanno perduto i vantaggi indescrivibili precenti e pure la loro credibilita’ .İnfatti,se non fosse stato cosi, Erdogan non avrebbe mai potuto aumentare ogni elezione ,il proprıo numero di voti.. Gli alleati occidentali hanno concesso alla Turchia territori inferiori ai limiti
    umanamente accettabili,qundi attendere federazioni o confederazioni con le varie etnie curde,non dovrebbe meravigliare nessuno e probabilmente non si fermera’ li’,se un Erdogan continuera’ ad essere al potere

  7. enis ilkin ha detto:

    ” ma tramite la liberta’ di parola garantita dalle riforme democratiche di Erdogan,i Kemalisti hanno perduto i vantaggi indescrivibili precenti e pure la loro credibilita’ “.

    Ma di quale liberta’ di parola stai parlando, di quella che ti fa finire in galera se tenti d’esprimire liberamente le tue opinioni opp. la tua opposizione ad Erdogan e non riesci a capire con quali intenzioni fa quelle riforme cosi dette democratiche??

    Sono senza parole………..

  8. eustakyo manopulo ha detto:

    da quello che scrivi mi risulta di conoscerti molto bene. Sei un kemalista,come l’ho precedentemente descritto. İl kemalismo nato nel 1938 non e’ stato mai e per niente approvato da Atatürk. Ti lamenti che nel paese non ci sia la liberta’ di parola. İn effetti non siamo a livello europeo. Pero’ tu puoi liberamente persino insultare il primo ministro e te la cavi con una multa da pagare. Ma scusa,quando Erdogan aveva recitato una banale poesia,normalmente all’accesso di tutti,perche’ l’avete mandato in galera? Fai come Andrea,ma credo ,che a tua differenza ,lui stia scherzando,mentre tu cerchi cause e risultati malefici per il fatto che Erdogan fa riforme democratiche. Ti capisco molto bene,prima di queste riforme, i kemalisti erano protetti da leggi medioevali ferree, ,la piu’ semplice critica .non e ‘ mai stata tollerata,con pene gravissime. Dimmi, per cortesia, non siete stati voi,anni fa a fare la campagna ‘CİTTADİNO PARLA TURCO’, e cercar di mandare via ogni tipo di minoranza? A quel tempo esistevano ad İstanbul piccole colonie,francese, italıana,americana…etc….vivente in İstanbul da secoli ,non siete stati voi a tormentarli e mandarli via’? Non siete stati voi a confiscare i beni delle minoranze con leggi mirate? Non siete stati voi a provocare fallimenti di banche ?………e ora Erdogan cerca di restituire quello che puo’ …. ma ho troppe domande ancora da farti ,sara’ alla prossima occasione……mangiare all ‘europea, vestire all’europea, riconoscere un vino all’europea, seguire la moda europea non basta proprio per essere persone civili, Erdogan non sa riconoscere la data di raccolta di un’uva da vino ,ma e’ di un grandissimo grado di umana civilta’. Perche’ non riuscite proprio a vederlo ? Non preoccupatevi lo vedrete lo vedrete……..o forse fate finta ?

    • enis ilkin ha detto:

      Caro Eustakyo,

      Stamani ho riletto quello che hai scritto e ho deciso di rinunciare al mio diritto di risponderti.

      ” mangiare all ‘europea, vestire all’europea, riconoscere un vino all’europea, seguire la moda europea non basta proprio per essere persone civili,”.

      Hai ragione, i Kemalisti ( ma é un reato essere Kemalista??? ) essendo persone incivili non possono essere al livello di rispondere alle tue domande. E cio’ mi mette in difficolta’ di toglierti dalle tue curiosita’.

      Ciao

  9. enis ilkin ha detto:

    Caro Eustakyo, anch’io ti rispondero’ appena posso. Pero una sola cosa ti posso dire, non hai affatto conosciuto le mie opinioni ed anche tutto ci sei cascato nella trappola d’Erdogan. Ti scrivero’..
    Ciao..

  10. eustakyo manopulo ha detto:

    caro Enis,ti sarebbe convenuto startene zitto, ma mo ci parli di trappole. Ma quali trappole? ma quali trappole? Temo che tu non capisca quello che scrivi. Le vere trappole le avete tese voi non solo ai credenti mussulmani turchi ma a tutto il mondo ,mostrando a tutti,come segno di cıvilta’, una esteriorita’ europea,ma soltanto esteriorita’, nel paese vı siete dimostrati dei crudeli fascisti.
    Devo,comunque,congratularmi con voi,per aver potuto fregare tutto il mondo per piu’ di ottanta anni dopo Atatürk. Solo la democrazia ha potuto sconfiggervi,cosi’ come la liberta’ di parola. e la Turchia vola….. la Merkel non la finisce col congratularsi e manda quı tecnici per capire il miracolo…..molti professori universitari americani ed altri mandano currıiculi per insegnare da noi.
    Avrai certo vissuto bei periodi quando l’inflazione era del 70 80 per cento fino ad arrivare a cifre girnaliere millenarie . Avete fatto svalutazioni della lira turca e i vostri amici vi hanno a tempo avvertito e ne avete ricavato miliardi,tutto guadagno illecito ,e’ chiaro a tutti che desiderate ritornare al tempo passato per togliere tutto ,al resto della popolazione e godervi i soldi maledetti Quando stavate per annientare completamente l’economia turca vi siete rivolti al İMF fondo mon.internazionale. A salvarci e’ venuto uno da fuori,perche non avevate e non avete nessuno che capisca l’economia. E venuto Kemal Derviş,fratello ebreo,agente del clan internazionale finanziario ebraico. e certo ha lavorato per i suoi superiori. Erdogan ha mandato via l’İMF e la Turchia oggi,non prende ma da finanziamenti all’İMF ed aiuta anche altrl stati in difficolta’ La pacchia di non pagare il fio della corruzione e’ terminato. Ma ci sono infinite cosa da dire ancora ,
    Problemi simili li viviamo anche in İtalia, ma un Erdogan dove lo troviamo? Grillo dice molte cose giuste ma purtroppo anche cose sbagliate,impoıssibili da realizzare ,che potrebbero essere letali..
    Grazie al Cielo,comunque, alcuni parametri,anche se pochi, mi concedono un filo di speranza

    • enis ilkin ha detto:

      Perché tutto questo odio, perché questo linguaggio velenoso,perché insultare, perché non poter riusire a discutere civilmente ?????

  11. eustakyo manopulo ha detto:

    Non rispondi a nessuna domanda e parli di discutere civilmente.Ma credi veramente che siamo dei deficienti,degli imbecilli, ma cosa credi che io sia.? non siete stati corretti col mondo intero per anni e credete che cio’ possa andare cosi all’infinito ,no, e’ finitata caro, sono finiti in galera molti di voi con decine e decine di prove inconfutabili e di ferro , avete protestato presso tribunali internazionali, cercando nello stesso tempo di denigrare la Turchia,senza mai aver avuto ragione. Porto in me il dolore di centinaia di migliaia di persone innocenti che avete rovinato,Avete cercato di attribuire la colpa ai credenti mussulmani e il mondo l’aveva bevuta ,ma te lo ripeto, i credenti musulmani turchi non hanno mai partecipato alla pianificazione di crudelta ‘Non dimenticare, il papa cattolico cerca di richiamare i cristiani alla MİSERİCORDİA ,ma la misericordia e’ da molti secoli il motore vitale del turco musulmano credente Qui’ non parliamo di poesie o fatti sentimentali per poter provare amore o odio ,qui’ parliamo di fatti di storia e microstoria i sentimenti non c’entrano, Qualche volta la realta’ non e’ piacevole da ascoltare

  12. eustakyo manopulo ha detto:

    grazie per l’appello alla moderazione,cerchero’ di essere moderato,pero’ prego tutti di non far passare il BİANCO per NERO, e di iniziare una discussione almeno col GRİGİO,se no possiamo parlare solo di argomenti di cultura o altro,senza entrare nel campo sgradevole della politica

  13. eustakyo manopulo ha detto:

    caro Enis, piuttosto che fare il ruolo di chi subisce del torto, parlaci almeno delle trappole di Erdogan . La maggior parte di cio’ che ho scritto l’ho anche subito,sulla mia pelle ed ho capito bene. Considero umanamente doveroso rendere partecipi alle cose anche gli altri e lo faccio in ogni occasione che mi si presenta., Dovrei forse dire le stesse cose in maniera pıu blanda

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...