M. Ver., La Stampa e la Turkish Airlines (di Raffaele Morani)


(ma è la Ottaviani che scrive con pseudonimo?)

Oggi, tornato in Italia dopo una breve vacanza ad Istanbul, sono andato al bar vicino casa mia a prendere un caffè e leggere i giornali. Mi sono imbattuto in un articolo della Stampa, firmato da M. Ver., sull'”islamizzazione della Turkish Airlines”: che impone alle hostess di non mettere il rossetto rosso, sta introducendo delle divise castigate e ha vietato gli alcolici sui suoi voli, tutti aspetti legati alla politica di islamizzazione strisciante portata avanti dall’AKP. Ma proprio oggi ho viaggiato con la Turkish, come anche all’andata, e ho visto hostess vestite “all’occidentale”, truccatissime e che servivano birra Efes e Tuborg o vini ai passeggeri che ne facevano richiesta. Delle due l’una: o sono io a viaggiare sull’unico volo della Turkish dove accadono queste cose, o l’articolo di M. Ver. è alquanto esagerato!

Questa voce è stata pubblicata in disinformazione, Turchia. Contrassegna il permalink.

13 risposte a M. Ver., La Stampa e la Turkish Airlines (di Raffaele Morani)

  1. enis ilkin ha detto:

    Caro Raffaele, a proposito del divieto del rossetto rosso, il divieto c’é, pero forse hanno rimandato l’applicazione dopo serie proteste,prese in giro del pubblico.
    Invece gli alcolici sono vietati soltanto sui voli nazionali..
    Ciao

    • Istanbul, Avrupa ha detto:

      comunque non e’ che abbiano ‘vietato il rossetto’: piu’ che altro si parlava della scelta dei colori, privilegiando i colori pastello piuttosto che quelli particolarmente accesi…

  2. raffaele morani ha detto:

    Ciao Enis,
    lo so che sui voli nazionali non ci sono alcolici, sono stato ad Ankara l’anno scorso via Istanbul🙂 ma l’articolo in questione era veramente il trionfo delle imprecisioni e delle frasi a effetto…..un conto è se si parla di divieto di rossetto, un conto se si dice di usare colori meno accesi, scrivere poi che su tutti i voli Turkish sono vietati gli alcolici come fa l’articolista è un’imprecisione, infine come si fa a parlare di imposizione alle hostess di divise castigate in osservanza dei precetti islamici? Quindi turban e vesti lunghe fino ai piedi? o che altro? A me sembra, per usare un eufemismo, veramente una forzatura.

  3. Andrea ha detto:

    Senza contare che le divise sono davvero belle ed eleganti, mentre con altre compagnie sembrano prese direttamente dagli anni ’70…

  4. Christian ha detto:

    Giuseppe, mi sa che oltre alla rubrica “i pregiudizi degli italiani”, ti toccherà aggiungere o estendere verso “le incomprensioni degli italiani”.

    Oltre la battuta, in generale, come faceva notare Raffaele, il problema reale credo che sia la “buona fede” di chi scrive, per la serie, ma ci sei o ci fai? Banalizzi perché sei banale o perché vuoi dare un visione distorta di proposito?

    Non penso che ci sia risposta, se non quella di continuare a dare una testimonianza diversa da questi eroi del luogo comune.

  5. Celeste ha detto:

    Il difetto sta’ nell’occhio di chi guarda, io trovo la Turkish Airlines una delle migliori compagnie di volo sia per servizio sia per gentilezza se poi non usano o non possono usare il rossetto rosso, facciamone una ragione, non è così importante durante un viaggio aereo, perché non guardate lo spazio tra un sedile e quello davanti, perché non guardate ciò che mangiate che è caldo e non congelato come ad esempio il pane di alcune compagnie di bandiera? Semplice considerazione di un’ italiana che ama la Turchia ma che fa’ di tutto per essere imparziale!!!

    • Istanbul, Avrupa ha detto:

      innanzitutto benvenuta!

      purtroppo, come spesso cerco di mostrare, il problema e’ tutto politico: un’incessante campagna mediatica contro l’attuale governo, impostata sullo slogan della cosiddetta ‘islamizzazione’ (giocando sull’iimaginario collettivo occidentale: islamico=cattivo)

      • eustakyo ha detto:

        caro giuseppe,sono felice di constatare che tu,secondo me,abbia centrato il problema. infatti dopo il ‘ONE MİNUTE’ il mondo intero ha capito che la Turchia corre veloce non solo nel campo dell’economia ma anche nel campo politico,della democrazia,della trasparenza e quindi da un partner passivo e’ passata ad un ruolo alla pari con le nazioni piu’ importanti. Per İsraele e’ stato uno shoc indescrivibile dover vivere con una Turchia che non e’ piu’ quella dei governi precedenti, che cedevano i piu’ grandi appalti allo Stato ebraico,e secondo me ,erano in parte sottomessi ad esso. L’ AKP ha cambiato tutto. Lo stato ebraico insieme ai suoi sostenitori turchi ed internazionali ,quindi,hanno iniziato una campagna senza esclusione di colpi,cercando di colpire l’AKP in qualsiasi occasione. İl popolo turco ha capito bene pero’,.e sa distinguere coloro che lavorano ininterrottamente per il suo benessere. E poi,cari connazionali, dobbiamo finirla col desiderare che gli altri debbano assomigliare in tutto e per tutto agli europei,nei loro usi e costumi. Da una societa’ in fallimento, la Turkish Airlines,e’ diventata una fra le migliori al mondo,ottenendo offerte di joint venture molto interessanti.

  6. Mattia Bordignon ha detto:

    c’è modo di reperire l’articolo?

    • Istanbul, Avrupa ha detto:

      sei andato a pescarmi un’altra imbecille, che mi ha bannato su twitter solo perche’ le ho fatto notare come un giornalista degno di questo nome – e il giornalista NON e’ un attivista politico! – deve dar conto di quello che dicono tutti, non solo di quelli vicini alla propria posizione politica (nel caso specifico, parlava di curdi: ha intervistato magari 100 politici del Bdp… e ovviamente nessuno dell’Akp, secondo lei ‘non ne vale la pena’)

    • Istanbul, Avrupa ha detto:

      sullo specifico, pero’, ha ovviamente ragione..

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...