Mediterraneo, un mare di sviluppo


La Turchia non è più debitrice nei confronti del Fondo monetario internazionale (Fmi): la scorsa settimana è stata pagata l’ultima tranche del dovuto, azzerando una pendenza che nel 2002 aveva raggiunto il livello record di 23 miliardi e mezzo di dollari. Complessivamente, la Turchia ha ricevuto dall’Fmi – dal 1947 al 2008 – circa 50 miliardi di dollari, che sono stati messi a frutto solo nell’ultimo decennio, con le riforme dell’ex ministro Kemal Derviş e successivamente dai governi dell’Akp, abili nel mantenere la disciplina finanziaria richiesta. Nonostante trattative successive, il primo ministro Erdoğan ha deciso di fare a meno di ulteriori finanziamenti: un pò perché l’economia turca non ne ha più indispensabile bisogno, un pò perché il suo premier – lo ha spiegato di fronte alle telecamere, con una gestualità eloquente – non vuole avere più nulla a che fare «con dei funzionari che vorrebbero spiegarmi come devo fare politica».

Il messaggio di Erdoğan è arrivato in un contesto prestigioso e solenne, quello del ventiduesimo meeting annuale della Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (Ebrd, nell’acronimo inglese), che si è tenuto a Istanbul l’10 e 11 maggio. Oltre che delle attività della banca, della Turchia come “storia di successo”, dell’andamento dell’economia globale attraverso panel di esperti, nella due-giorni in riva al Bosforo si è parlato anche dei Paesi “Semed” (i paesi del Mediterraneo meridionale e orientale), che sono stati – attraverso la partecipazione dei primi ministri di Tunisia, Giordania ed Egitto – gli ospiti d’onore della cerimonia inaugurale. Questi tre Paesi e il Marocco, infatti, dallo scorso autunno – e in attesa di diventare quanto prima membri a pieno titolo – hanno acquisito lo status di “potential recipient country” e hanno cominciato a beneficiare dei finanziamenti e dell’assistenza tecnica dell’Ebrd. Per la banca con sede a Londra è una vera e propria rivoluzione, visto che è stata creata nel 1990 con l’obiettivo di favore la transizione delle repubbliche ex sovietiche e delle ex “democrazie popolari” dell’Europa orientale, dall’autoritarismo e dal dirigismo alla democrazia e all’economia di mercato.

[…]

(per continuare a leggere, cliccate qui)

Questa voce è stata pubblicata in politica estera, Turchia. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Mediterraneo, un mare di sviluppo

  1. mirkhond ha detto:

    Quali sono attualmente i rapporti tra Turchia, Azerbaigian ex sovietico e le repubbliche turche e turcofone ex sovietiche dell’Asia Centrale?
    Che ne è oggi del Panturanismo?

  2. mirkhond ha detto:

    Ma il Panturanismo oggi è passato in secondo piano, rispetto alle politiche “neo-ottomane” dell’Akp?

    • Istanbul, Avrupa ha detto:

      io neanche lo definirei ‘pan-turanismo’: e’ un approccio diverso, che mette sullo steso piano Europa, Balcani, Asia centrale, Medio oriente e Africa (la Turchia come ‘stato centrale’)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...