Il 29 maggio di Cipro


Il nazionalismo cipriota – dei greco-ciprioti come dei turco-ciprioti – sfocia costantemente nel feticismo delle bandiere, dei simboli politici in generale, delle date e celebrazioni: ognuno i propri, senza condivisioni; ho vissuto il fenomeno in prima persona, ne ho anche scritto in passato.

Però, quello che sta succedendo in questi giorni ha sorpreso anche me. In buona sostanza, tramite i buoni uffici dell’Onu era stata fissata la data del 29 maggio per la ripresa dei negoziati di riunificazione tra il leader turco-cipriota Derviş Eroğlu e il nuovo presidente greco-cipriota Nicos Anastasiades. Tuttavia, la stampa greco-cipriota si è scatenata contro “il traditore della patria” (Anastasiades), che è stato costretto a chiedere una data alternativa. Ma cosa ha che non va il 29 maggio? Semplice: è la data della conquista di Costantinopoli – il 29 maggio 1453 – da parte di Mehmet II “Il conquistatore”; in effetti, io tutta questa attinenza con le questioni cipriote non ce la vedo: e anzi, quando gli ottomani conquistarono l’isola eliminando la dominazione franco-veneziana – un secolo più tardi – vennero accolti come liberatori, sia dai musulmani sia dai greco-ortodossi.

Questa voce è stata pubblicata in cristiani d'Oriente, Turchia. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Il 29 maggio di Cipro

  1. Pingback: Il 29 maggio di Cipro - Istanbul Avrupa - Webpedia

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...