Marta Ottaviani e la propaganda anti-Akp


Da due mesi sto lontano dal blog di Marta Ottaviani, ho rifiutato di leggere anche alcune segnalazioni di articoli che mi sono arrivate: immagino abbia dato massimo sfogo ai suoi pregiudizi e alla sua ostilità contro l’Akp, se avessi voluto replicare avrei magari esagerato e forse non era il caso; mi dispiace solo per il lettore italiano che – come al solito – è stato sistematicamente disinformato.

Cercando altro, l’altro giorno mi sono però imbattuto in un suo scritto illuminante; è del 2007:

Se Erdogan fino a questo momento è riuscito a camuffare così bene quello che sta combinando nel Paese, è perché dal punto di vista economico la sua politica è stata all’insegna di un sano liberalismo, che per il Paese è equivalso a una specie di rivoluzione. I primi a cascarci sono stati gli elettori. Concordo infatti in pieno con Lino quando scrive che il 47% della gente che ha votato Akp non sono tutti fanatici i iper religiosi. C’è tutta una media borghesia che in musira minore o maggiore ha tratto benefici da questi primi quattro anni e mezzo di Erdogan e gli ha ridato fiducia. A che prezzo purtroppo lo vedremo fra non molti anni

Qualcuno potrebbe obiettare: ma aveva ragione, ha compreso per tempo i rischi per la democrazia turca. Beh, no: in effetti questo scritto dimostra altro; dimostra che lei ha deciso già nel 2007 (o anche prima) che Erdoğan è cattivo e quindi – per tutto questo tempo – ha selezionato fattarelli e notiziole utili a screditare l’Akp, ha oscenamente e quotidianamente agitato lo spauracchio dell’islamizzazione (termine di cui non sono mai riuscito a determinare il concreto significato), ha passato sotto silenzio o ridimensionato gli straordinari risultati ottenuti in termini di sviluppo economico e democratizzazione, immagino abbia esagerato a dismisura la portata degli eventi del parco Gezi e di piazza Taksim, ha fatto di tutto per far credere – a volte inventando fatti di sana pianta, come l’alleanza con l’Iran – che “aveva ragione”.

Che poi, secondo gli ultimi sondaggi decine di milioni di elettori turchi ci “ricascheranno” ancora: per la quarta volta, con buona pace delle marteottaviani.

Questa voce è stata pubblicata in disinformazione, politica interna, Turchia e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Marta Ottaviani e la propaganda anti-Akp

  1. enis ilkin ha detto:

    Mi sa che chi disinforma il lettore italiano sei proprio tu Giuseppe,ti comporti come un tesserato dell’AKAPE..Accusi gli altri blogger perché non sono del tuo pensiero.Credi davvero di essere obiettivo con chi non pensa come te?

  2. eustakyomanopulo1937 ha detto:

    ringrazio Giuseppe perche’ e’ davvero imparziale e giusto. E chiaro che le verita’ colpiscono nel vivo i simpatizzanti dell’opposizione principale turca che con la democratizzazione, portata da Erdogan,hanno dovuto subire,quali schiaffi in pieno viso, tutte le verita’ nei loro confronti,che prima non si potevano dire. caro ilkin ,sarebbe oramai ora,di diventare,almeno un poco,oggettivi

  3. Pingback: Marta Ottaviani, Erdoğan e la rivoluzione | Istanbul, Avrupa

  4. morands ha detto:

    Domanda, tra il realistico e il complottista: ipotizziamo che se non sia sciatteria, che interessi ha la Stampa a criticare così la Turchia?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...