Il processo a Ergenekon


Il 5 agosto rimarrà negli annali come una giornata storica nel cammino della Turchia verso la democrazia. La 13esima Alta corte criminale di Istanbul – in un annesso blindato e sorvegliatissimo della prigione di massima sicurezza di Silivri (a un’ora di macchina dal Bosforo) – ha emesso l’atteso verdetto del “processo Ergenekon”: la Gladio turca, lo “stato profondo” ultra-nazionalista – Ergenekon è un luogo ancestrale di mitica rilevanza – accusato di omicidi, di campagne intimidatorie e propagandistiche contro le minoranze, di attività sovversive per rovesciare il governo del Partito della giustizia e dello sviluppo (Akp) al potere dal 2002. Le sentenze e le reazioni politiche sono lo specchio di un Paese che – ancora alle prese con una difficile e contestata transizione dall’autoritarismo laicista e militarista – appare sempre più diviso, privo di una legittimità condivisa.

I giudici del tribunale speciale sono stati duri, implacabili. Dei 275 imputati, solo 21 sono stati assolti: gli altri – alti gradi militari (alcuni in servizio, molti in pensione), avvocati, docenti universitari, ex rettori di prestigiosi atenei, giornalisti, intellettuali – hanno avuto ricevuto pene detentive che vanno da 5 anni a doppi ergastoli. Tra i militari: i generali İlker Başbuğ (ex Capo di stato maggiore dal 2008 al 2010), Hurşit Tolon, Hasan Iğsız, Şener Eruygur, Veli Küçük, sono stati tutti condannati al carcere a vita (Küçük per due volte, con 99 anni e un mese aggiuntivi); il colonnello Arif Doğan, riconosciuto come fondatore dell’Unità di intelligence anti-terrorismo della gendarmeria (Jitem) che ha seminato per anni il terrore nel sud-est a maggioranza curda, se l’è cavata con 47 anni.

[…]

(per continuare a leggere, cliccate qui)

Questa voce è stata pubblicata in politica interna, Turchia. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Il processo a Ergenekon

  1. Pingback: Il processo a Ergenekon - Notizie, musica e informazione - Sempre con te! - ILCommentario.com

  2. massimo ha detto:

    È vero quanto sostenuto da alcuni che la maggioranza dei militari condannati sono alevi ?..e che altri sono ritenuti dönme ?..gruppi notoriamente molto presenti nell’élite militare kemalista…insieme ai massoni, ma in tal caso è forse più difficile fare statistiche😀

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...