La Turchia e i pregiudizi degli italiani (154)


In realtà si tratta del pregiudizio di una italo-turca, testimonianza diretta di quella intolleranza discriminatrice di cui sono portatori in modo ampio e diffuso – in Turchia – i cosiddetti ‘laici’ (o almeno, le fazioni estremiste e politicizzate):

Ho preso un volo ad antalya e una donna con il velo mi ha fatto il check in : mi dispiace ma sono letteralmente inorridita

 

Questa voce è stata pubblicata in Islam, politica interna, Turchia. Contrassegna il permalink.

25 risposte a La Turchia e i pregiudizi degli italiani (154)

  1. Pingback: La Turchia e i pregiudizi degli italiani (154) - Notizie, musica e informazione - Sempre con te! - ILCommentario.com

  2. Andrea ha detto:

    C’è un rimedio: si chiama Siberia. Pare fosse piuttosto in voga qualche tempo fa e dicono che qualche anno a spalare la neve coi denti faccia soltanto bene in questi casi🙂

  3. Aldo C. Marturano ha detto:

    Ma perché? Ognuno si veste come vuole. Mia madre quando entrava in chiesa metteva un fazzoletto sulla testa e nessuno inorridiva. Le ragazze di oggi vanno d’estate tutte in shorts e nessuno inorridisce. I vili e i militari hanno tutti dei cappelli ridicoli e nessuno lo contesta. Vediamo prelati e vescovi vestiti con abiti strani e carnevaleschi e nessuno inorridisce. Un papa che veste con una palandrana lunga fino ai piedi e una “papa”lina in testa ti fa forse inorridire?

  4. Andrea ha detto:

    Ribadisco, con questa gente il momento del confronto è del tutto inutile: troppo spreco di tempo, fatica, non ne vale una pena. E’ una bestia e una bestia resterà

  5. Sergio ha detto:

    Forse preferiva avesso occhiali e naso finto…:/

  6. siska ha detto:

    per me indiane son le + leganti
    certi abiti son fatti anche per protegger la pelle i capelli non solo privacy
    suggerisco alle donne occidentali che si scandalizano di agente doganale con velo di andar ai bagni pubblici arabi dove le donne son tutte nude

  7. Filippo M. ha detto:

    […]

    l’utente e’ stato bannato, lo risistemo nella cartella spam…

    • Aldo C. Marturano ha detto:

      E’ stupido scrivere vuotezze del genere. Se uno ha da fare un giudizio, come te Filippo, lo fa chiaramente. Che significa il livello etc.?? siamo un branco di stupidi o di ignoranti? Dillo e vedremo tu a che livello ti trovi.

  8. Filippo M. ha detto:

    […]

    l’utente e’ stato bannato, lo risistemo nella cartella spam…

  9. Andrea ha detto:

    Giuseppe potevi anche lasciarlo, è divertente leggerlo!😀

  10. Aldo C. Marturano ha detto:

    Kim bilir ki arkada nüktelersiniz var…

  11. pedrop61 ha detto:

    Io sono inorridito invece a vedere tutti quei coatti pieni di tatuaggi come i loro idoli e unica fonte di ispirazione esistenziale: i calciatori, col taglio di capelli Jarehead come la loro seconda fonte di ispirazione: il corpo dei marines, deltoidi anabolizzati, abbronzatura impeccabile e le loro compagne simili a loro, le labbra turgide di acido jaluronico, gli zigomi ripieni di silicone, il naso ridisegnato dal chirurgo, anch’esse ricoperte dai tatuaggi visti sulle attrici di grido, qualche piercing sparso qua e la sulloro corpo, con i loro bravi trolley Samsonyte, tutti uguali, tornare dalla settimana a Sharm el Sheik in rientro anticipato e lamentarsene pure. Inorridisco a vedere quella oscena omologazione fatta di idiozia e televisione.

  12. inorridisce perche non e abituata al velo ed ha la testa polarizzata,cosi come una donna da sempre velata inorrideisce quando vede lei

  13. jbaslan ha detto:

    Perchè vi sorprendete che una turca – italiana che prende un volo da Antalya sia scandalizzata da una addetta al check-in velata?
    Non si tratta sicuramente della copertura dei capelli, tipica in particolare nelle zone rurali ma anche di molte medie cittadine turche, ma del Hijab, prescrizione prettamente islamica, combattuta dalla rivoluzione kemalista e scomparsa (quasi) dal paese; la sua ricomparsa nelle strade di Ankara ad inizio anni ’90 ha destato scandalo. Ho personalmente assisitito ad insulti verso donne avvolte nel niqab, nel 1995.
    La componente laica della società turca ha un forte fondamento kemalista, che individua il progresso nell’appartenere all’occidente. In tal senso si è sempre mantenuta distante dai regimi religiosi dei paesi arabi. E questa componente non comprende come una donna, seppur islamica, possa indossare il Hijab
    Inoltre, in turchia vi è una forte parte di popolazione (ignota la percentuale) che non è sunnita, che non è sciita, che non ha moschee, non ha imam, non ha organizzazione religiosa e che vede la re-islamizzazione con orrore. Anche perchè questa parte di popolazione fu perseguitata sotto l’impero ottomano e mantiene una memoria storica.

  14. jbaslan ha detto:

    indubbiamente è un atteggiamento pregiudiziale
    ma mi verrebbe da dire “chi non ha pre-giudizi scagli la prima pietra”
    pure indubbiamente è discriminazione, per giunta futile,
    ma che vuoi farci, tutti abbiamo i nostri difetti

  15. mirkhond ha detto:

    “in turchia vi è una forte parte di popolazione (ignota la percentuale) che non è sunnita, che non è sciita, che non ha moschee, non ha imam, non ha organizzazione religiosa e che vede la re-islamizzazione con orrore. Anche perchè questa parte di popolazione fu perseguitata sotto l’impero ottomano e mantiene una memoria storica.”

    Ti riferisci agli Alevi?

  16. Pingback: La Turchia in Italia, Il Film Festival turco di Roma (2013) | Vivere Istanbul

  17. Pingback: La Turchia in Italia, Il Film Festival turco di Roma (2013) | Blog di prvdevav901

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...