La Anadolu Ajansı in curdo


E’ una notizia che – al di là dei discorsi oziosi e pretestuosi su gas lacrimogeni o scale arcobaleno – dà la misura del cambiamento più concreto e significativo in corso in Turchia: perché dal 1° settembre l’agenzia di stampa semi-ufficiale (anzi, qualcosa in più di ‘semi’…) Anadolu Ajansı ha iniziato a trasmettere in curdo – in kurmanji e sorani – dalle sedi di Ankara ed Erbil (Iraq settentrionale).

Gli effetti benefici sono due: avanza il processo di accettazione della lingua curda, viene diffuso un punto di vista alternativo rispetto alle agenzia di stampa curde vicine al Pkk e a ideologie estremiste.

Questa voce è stata pubblicata in disinformazione, politica interna, Turchia. Contrassegna il permalink.

6 risposte a La Anadolu Ajansı in curdo

  1. massimo ha detto:

    è un passo importante, che meritava di essere segnalato e, come sempre, tu lo hai fatto !
    ora attendiamo anche trasmissioni in greco, laz, turoyo (lingua di cristiani siro-giacobiti) e, dulcis in fundo, armeno😀

  2. dire ya o dire yo ha detto:

    Da quel che so non esiste una koiné linguistica curda. In quale varietà trasmettono?

    P.S. non è direttamente coerente al discorso, ma mi chiedevo se ci fossero informazioni sui dialetti turchi.

    • Istanbul, Avrupa ha detto:

      l’ho scritto, in effetti: in kurmanji e sorani (sui dialetti curdi, ci vuole qualche specialista)…

    • massimo ha detto:

      sui dialetti turchi, credo ci possa essere qualcosa in questo articolo, ancorché datato, Die anatolischen und rumelischen Dialekte di A. Caferoğlu e nella Encyclopaedia of Islam in 13 voll (di cui, come è noto esiste una versione turca, molto attenta alle questioni turcologiche, con il nome di Islam Ansiklopedisi)
      nella E.I ovviamente vi è molto pure sul curdo (lingua iranica occidentale, pertanto indoeuropea(

  3. massimo ha detto:

    secondo Peter Golden (An Introduction of the History of the Turkic Peoples), 1992, Wiesbaden, Harrassowitz, i dialetti del turco di Turchia sarebbero i seguenti, parlando largamente
    Istanbullu
    Sudoccidentale (da Bandırma ad Antalya)
    Centrale o Medio Anatolico (da Afyon Karahisar ad Erzurum-Elâziğ)
    Orientale (ad est di Erzurum-Elâziğ) [e qui aggiungo io che secondo il turcologo Karl Foy 1903-1904, pionere degli studi turcoogici sull’Iran, questo non sarebbe “ottomano” ma “azero”]
    Nordorientale-Pontico (Samsun-Rize)
    Sudorientale (Gaziantep, Adana, Antalya)
    Nordoccidentale-Kastamonu (incluso Karamanlı)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...