Ankara e Baghdad, gli affari prima di tutto


“Abbiamo aperto una nuova pagina”. Così il ministro degli esteri Davutoğlu ha salutato la ripresa in grande stile dei rapporti ai massimi livelli tra Iraq e Turchia; nelle scorse settimane c’erano già stati contatti e visite esplorative, il capo della diplomazia di Ankara si è recato in Iraq il 10 e 11 novembre per un ampio giro di consultazioni: e ha posto le basi per un doppio incontro tra i rispettivi primi ministri – Erdoğan e al-Maliki – prima in Turchia e poi in Iraq, a partire da dicembre o gennaio.

[…]

Le conseguenze rilevanti della visita di Davutoğlu sono essenzialmente tre: l’intensificazione dei rapporti commerciali anche attraverso l’apertura di nuovi passaggi di frontiera e l’attivazione di nuovi voli, oltre alla ripresa dei preparativi per un nuovo Consiglio dei ministri congiunto dopo quelli del 2009 e del 2011; una possibile intesa a tre – Ankara, Baghdad, Erbil (la capitale della regione autonoma curda) – sulle pipelines energetiche; un comune impegno contro il “settarismo”, i gruppi estremisti che hanno preso il sopravvento sull’opposizione democratica in Siria e compiuto atti terroristici a catena – i più sanguinosi dal 2008 – in Iraq.

[…]

(l’articolo completo potete leggerlo su Lookout News)

Questa voce è stata pubblicata in politica estera, Turchia. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...