La Turchia apre alla lingua curda (di Ester Cristaldi)


(pubblicato su Limes online)

Il premier turco Erdoğan ha presentato il pacchetto “democratizzazione”, un piano di riforme il cui scopo è quello di dar forma in maniera sempre più concreta all’idea di dialogo, democrazia e libertà in Turchia, a fine ottobre.

È stato revocato il divieto di indossare il velo per le dipendenti pubbliche e della possibilità per le stesse di candidarsi in politica; maggiori libertà sono state concesse per quanto riguarda il diritto d’assemblea e altro ancora. Sono stati inoltre presentati dei provvedimenti che avrebbero l’intento di combattere l’odio e la discriminazione religiosa, nazionale o etnica.

A tal proposito, uno degli aspetti più importanti del pacchetto riguarda la minoranza etnica curda, alla quale è stato concesso di insegnare la propria lingua nelle scuole private e la possibilità di utilizzare 3 lettere – “q”, “x”, “w”, proprie della lingua curda ma non di quella turca – sulle quali vigeva il divieto di utilizzo nei contesti pubblici.

[…]

(per continuare a leggere, cliccate qui)

Questa voce è stata pubblicata in politica interna, Turchia. Contrassegna il permalink.

Una risposta a La Turchia apre alla lingua curda (di Ester Cristaldi)

  1. massimo ha detto:

    misura importantissima..e segno di concreta apertura
    beh, la questione delle 3 lettere, mi pare facilmente risolubile…
    Il curdo, di cui come minimo sono da distinguere il kurmanji e il sorani, è stato scritto in diversi alfabeti: arabo (in varie versioni..in IRQ e soprattutto IR è ancora la notazione più usuale anche oggi), latino (non c’è solo quella oggi dominante, un’altra fu in tempo in uso in Iraq), armeno (in Armenia sovietica dal 1929 al 1945) e cirillico, financo in siriaco (da certi “nestoriani”) !
    Se contiamo che anche l’ortografia turca attuale è solo in uso dal 3/11/1928, notiamo subito che non vi sono tradizioni plurisecolari…se tutto quello che fosse chiesto ai curdi fosse l’ “adeguamento” nei limiti del possibile all’ortografia turca moderno, credo sarebbe più che sciocco, per i curdi, impuntarsi😀
    Comunque la politica tollerante del governo AKP ha liberalizzato anche l’uso di queste 3 lettere…tanto meglio !

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...