Gli italiani di Istanbul e le proteste di piazza Taksim (24)


1466221_538808702878932_1286784725_nEcco un ulteriore esempio di ghezismo: la sperticata esaltazione – al di là di ogni attinenza con la realtà dei fatti – delle proteste di giugno, un’interpretazione influenzata dalla scarsa simpatia verso l’islam e dall’adesione a ideologie politiche di estrema sinistra.

Leggo su di un blog:

Dall’Italia chiedono spesso se tutto quello che è successo a Gezi si sia risolto in una pace ritrovata. Dal momento che si sono spenti i riflettori sulla Turchia non si hanno più notizie di quello che sta succedendo e le rivolte di giugno sono considerate da alcuni come l’ennesimo tentativo fallito di cambiare la situazione. Questo errore di valutazione spesso si produce nel momento in cui le aspettative riguardano un cambiamento radicale e simultaneo dal punto di vista politico e nel momento in cui non avviene ci si convince della sua inutilità.

Stando in Turchia invece ci si rende facilmente contro quanto le conseguenze di Gezi siano attive e presenti nella società, a volte non solo nella predisposizione mentale ma anche attraverso decisioni e scelte pratiche. Un esempio tra tutti è quello del Don Kişot, la prima occupazione a scopo culturale che sia mai avvenuta in Turchia

etc. etc.

Insomma, le proteste hanno prodotto il cambiamento… perché un gruppo di persone ha “occupato” un edificio per ricavarne un “centro sociale”? Eggià…

Questa voce è stata pubblicata in Turchia. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...