La Turchia e i pregiudizi degli italiani (186)


Il punto è: ma la fanciulla che parla di questa traumatica esperienza, ha avuto modo – qui in Turchia – di conoscere tutte le feste dell’islam e magari di parteciparvi, vero? A me sembra tanto la storia di quelli che in Italia “gli immigrati devono rispettare le nostre tradizioni”, ma poi quando vanno altrove sono sempre gli altri che devono adeguarsi/uniformarsi mentre loro non fanno mai nessuno sforzo per scoprire e integrarsi!

L’anno scorso mi trovavo in Turchia, dove il Natale non lo festeggia nessuno. Più le festività si avvicinavano, più mi sentivo malinconica all’idea di non riuscire a tornare. Avevo due coinquiline italiane, così decidemmo di organizzare la nostra piccola festa tra noi. Preparammo un albero di cartone e pacchetti da scambiarci.

[…]

Invece mi trovavo in un Paese che per la prima volta sentivo davvero straniero. Fino ad allora Bursa era casa mia e non avevo provato nostalgia, ma in quei giorni no. Sentivo come insopportabile che tutti fossero convinti che Natale e Capodanno fossero la stessa cosa, celebrati il 31 dicembre.

[…]

Il 24 mattina io e le mie coinquiline eravamo convocate in questura per ritirare il nostro permesso di soggiorno. […] Anche i turchi dell’ufficio immigrazione erano così, irascibili e poco simpatici. Ci rimbalzarono tra uno sportello e l’altro perché noi non sapevamo il turco e loro non sapevano l’inglese. Poi finalmente trovammo una poliziotta capace di parlarlo, e lei ci spiegò che avremmo dovuto tornare il giorno dopo, perché il nostro permesso non era ancora pronto. Alzarsi all’alba e attraversare la città per ritirare uno stupido libretto, che per legge dovevo avere ma che nessuno mi aveva mai chiesto. Rinunciare alla colazione assieme alle mie coinquiline e a skype per fare gli auguri a mia madre. No, il giorno dopo no… “Domani non possiamo… è Natale!” mi uscì spontaneo. La poliziotta scoppiò a ridere in modo sguaiato, seguita dai colleghi ai quali tradusse il nostro discorso. Quando s’accorse che noi non ridevamo si ricompose e ci disse: “Non vi sto chiedendo di passare qui la giornata, venite presto e poi andate in chiesa, mangiate… fate quello che volete”. Io mi sentivo indignata: “No, non se ne parla neanche, è Natale tutto il giorno, anche la mattina abbiamo da fare”. La mia coinquilina allora provò a mettersi in mezzo: “Se venissimo dopodomani sarebbe un problema?”. A quel punto la poliziotta era tornata davvero seria. “Venite dopodomani.. E’ a voi che serve il permesso, fate come vi pare”. Con molta diplomazia la mia amica ringraziò e uscimmo. Sulla porta però udimmo, in un inglese stentato: Merry Christmas!. Improvvisamente un sorriso mi tornò spontaneo sulle labbra. Mi girai, una donna velata dai tratti arabi mi sorrideva e mi guardava fisso dalla sala d’attesa. Quello è stato il primo augurio che ricevetti quell’anno. Felice le biascicai: Shukran (una delle poche parole che conosco in arabo) e lei mi salutò con la mano.

Questa voce è stata pubblicata in cristiani d'Oriente, disinformazione, Islam, Istanbul, Turchia. Contrassegna il permalink.

15 risposte a La Turchia e i pregiudizi degli italiani (186)

  1. mirkhond ha detto:

    A Bursa c’è una comunità cattolica? E quelle armene e rum ortodosse?

  2. mirkhond ha detto:

    Shukran si usa anche in Turchia?

  3. mirkhond ha detto:

    A te la polizia ha mai fatto casini coi permessi di soggiorno?

  4. mirkhond ha detto:

    Ma se tu volessi diventare cittadino turco che cosa dovresti fare?
    Rinunciare alla cittadinanza italiana?
    Sposarti con la dolce metà a Kadikoy?🙂

  5. mirkhond ha detto:

    Ma dovresti rinunciare alla cittadinanza italiana?

  6. mirkhond ha detto:

    Se io, finanze permettendo, volessi venirti a trovare, dovrei passare per il consolato o l’ambasciata turca in Italia?
    E’ necessario il passaporto oppure basta la carta d’identità europea?
    La procedura è molto incasinata?

  7. mirkhond ha detto:

    Se arrivassi ad Istanbul via treno dalla Rumeli, oppure via mare sbarcando a Cesme, sarebbe molto incasinato alla dogana?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...