Gülen attacca Erdogan: giustizia ad orologeria anche in Turchia


Un fulmine a ciel sereno. Dopo le proteste del parco Gezi, in Turchia era tornata la normalità: la spallata anti-democratica era stata respinta, i grandi partiti avevano avviato la campagna elettorale in vista delle amministrative del 30 marzo, il governo aveva rivitalizzato i negoziati di adesione all’Unione europea firmando – il 16 dicembre – l’accordo di riammissione e la road map per la liberalizzazione dei visti. Una calma traditrice.

Proprio il giorno dopo, è infatti scoppiato uno scandalo corruzione – con arresti eccellenti – che rischia di travolgere il premier Recep Tayyip Erdoğan e il Partito della giustizia e dello sviluppo (Akp): sono infatti coinvolti ministri e i loro figli, alti burocrati, costruttori, il direttore della banca pubblica Halkbank. Le accuse: riciclaggio di fondi neri provenienti dall’Iran per aggirare le sanzioni anti-proliferazione nucleare, mazzette per ottenere permessi edilizi in violazione della normativa vigente, illegalità di ogni tipo.

[…]

(per continuare a leggere, cliccate qui)

Questa voce è stata pubblicata in politica interna, Turchia. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...