La situazione politica in Turchia e i consigli di Marta Ottaviani


Mi avevano detto che Marta Ottaviani (fonte attendibile, praticamente diretta) non vive più a Istanbul, ma ho fatto bene a non stappare ancora la bottiglia di champagne: pare che, purtroppo, anche dall’Italia la facciano comunque scrivere di Turchia.

In effetti, non scriveva sul suo blog da un paio di mesi: ma ovviamente, non ha potuto resistere alla tentazione di sfruttare le difficoltà di Erdoğan per tornare a disinformare i suoi cari lettori, ribadendo la sua posizione anti-Akp.

Ve lo dico con molta franchezza: per avviarsi verso la democrazia completa, la Turchia deve dare ascolto a tutti i movimenti che abbiamo visto durante Gezi Parki. Finché la scelta rimane Erdogan o Gul/Gulen, mi sembra di scegliere fra la padella e la brace.

Occuparsi di altro proprio no, eh? Nei fatti, e al netto dei notori pregiudizi orientalisti e islamofobi della collega, è proprio l’Akp che ha messo la Turchia sulla strada della “democrazia compiuta”: da ultimo, con lo storico “pacchetto democrazia” annunciato a fine settembre (sì, so bene che molto resta ancora da fare: ma considerare l’Akp un ostacolo è una grande sciocchezza).

Questa voce è stata pubblicata in Istanbul, politica interna, Turchia. Contrassegna il permalink.

5 risposte a La situazione politica in Turchia e i consigli di Marta Ottaviani

  1. Lorenzo ha detto:

    Se tanti turchi benpensanti , escludendo Gezy Park, hanno dubbi su erdogan e akp, io smetterei di farne sempre un elogio. É minimo un ladrone e poi un paraculo islamico, mi sembra un dc che usa islam per il potere e alla fine ne diventa servo per perdere i suoi voti

    • Istanbul, Avrupa ha detto:

      non ne faccio SEMPRE un elogio: esprimo anche delle critiche, ma solo quando sono i fatti che le richiedono (in ogni caso, la mia opinione rimane complessivamente molto positiva: riguardo il passato, potenzialmente riguardo il futuro)

  2. ccg ha detto:

    ostacolo è maschile

  3. eustakyomanopulo1937 ha detto:

    caro lorenzo,ti ringrazio,sei grande ,, credo che tu sia un grande campione di finta imbecillita’, bravo , . Ogni tanto faccio,per diletto ,delle interviste con le classi pıu’ disagiate,ma specialmente cerco fra i miei ınterlocutori, quelli con l’intelligenza pıu’ bassa. İl risultato e’ unico, la maggior parte si lamenta pero’ si rende assolutamente conto che in fondo,oggi come oggi,in Turchia,la fame e’ un fattore trascurabile.e si vive benino per non parlare dei sallti fatti nella democrazia e nella modernizzazione de paesel. Ho pero’ un grande dubbio,temo proprio che dietro il nomignolo di lorenzo ci sia un kemalista, di quelli pero’ la cui stoffa non e’ originaria dell’Anatolia, di quei kemalisti seguaci di Moiz Cohen ,(1938),grandi nemici dell’Islam.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...