Gli italiani di Istanbul e le proteste di piazza Taksim (27)


Ogni tanto m’imbatto in materiale di repertorio, utile per capire come i fatti di giugno/luglio – le proteste del parco Gezi e di piazza Taksim (poi estese al resto della Turchia) – sono stati deformati da filtri ideologici. Questo caso è perfettamente rappresentativo: qualcuno che è a Istanbul da pochi mesi e che basa le proprie riflessione su quanto appreso in ufficio dai colleghi turchi che ce l’hanno col governo e con l’islam:

Vivo a Istanbul da circa 6 mesi. La contestazione di queste 2 settimane non nasce da una volontà politica di parte. Non è neanche il frutto di un paese instabile e antidemocratico. Qui siamo di fronte ad un popolo che genuinamente si solleva contro un despota che per interessi privati ha deciso di riportatre la Turchia ai tempi che hanno preceduto la rivoluzione laica di Ataturk. Ogni giorno e notte vedo i miei vicini e la gente del quartiere che spontaneamente scendono in strada per chiedere che gli venga riconosciuto il futuro che Ataturk e le vecchie generazioni hanno preparato.

e ancora:

le proteste sono scoppiate nelle grandi città dove il livello di istruzione medio e il tenore di vita è decisamente più alto. Esistono vaste zone della Turchia soprattutto a Est, dove l’unica fonte di informazione e verità sono la televisione e i modelli imposti dall’alto dal premier. Oltre ciò molti dei voti in queste zone sono stati letteralmente comprati. Da quello che mi confermano i miei colleghi Turchi solo un 20-25% della popolazione è realmente favorevole al premier

In effetti, nel 2011 l’Akp ha preso più di 20 milioni di voti: comprarsene 10 milioni, quanto gli sarà costato? I colleghi non l’hanno detto, al nostro amico fessacchiotto e credulone🙂 ?

Questa voce è stata pubblicata in disinformazione, Islam, politica interna, Turchia. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Gli italiani di Istanbul e le proteste di piazza Taksim (27)

  1. mirkhond ha detto:

    Le aree in rosso, sono quelle a maggioranza kemalista?

  2. mirkhond ha detto:

    Praticamente, ad eccezione di un’area ristretta presso Tunceli, le roccaforti kemaliste si concentrerebbero in Tracia (esclusa Istanbul) e nell’area egea intorno a Smirne.
    L’Anatolia profonda, le aree pontiche e quelle mediterranee fino alla frontiera siriana sarebbero filo Akp, a parte le aree in verde, che coincidono con gran parte del Kurdistan turco.
    Ma tra l’Akp e le aree “verdi” del Kurdistan turco, non sono proprio possibili intese antikemaliste?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...