Erdoğan a Bruxelles


Niente crisi, niente rottura. Chi pronosticava – o almeno temeva – un esito disastroso per il viaggio di Recep Tayyip Erdoğan a Bruxelles di martedì, il primo dal 2009, è stato smentito dai fatti; il premier turco, accompagnato da una nutrita delegazione ministeriale, ha infatti incontrato i presidenti del Consiglio europeo Herman van Rompuy, della Commissione europea José Manuel Barroso e del Parlamento europeo Martin Schulz in un clima di propositiva cordialità. La Turchia ha riaffermato la sua voglia d’Europa, l’Europa il suo impegno nei negoziati di cui – ha ribadito una volta di più van Rompuy nella conferenza stampa congiunta – il fine ultimo è “l’accesso”, la membership piena.

Il rilancio del processo di adesione, quasi bloccato negli ultimi anni soprattutto a causa del veto tedesco e francese, si è così compiuto nell’arco di pochi mesi: il 5 novembre è stato aperto – il primo dal 2010 – un nuovo capitolo negoziale, il 22 sulle politiche regionali; il 17 dicembre è stato poi siglato l’accordo di riammissione e contestualmente avviato l’iter per la liberalizzazione dei visti a cui sono ancora sottoposti i cittadini turchi, con evidente discriminazione; il 21 gennaio, Erdoğan ha espresso la volontà di accelerare i tempi, dopo “tre anni e mezzo di stagnazione”, con “l’apertura dei capitoli 23 e 24”: quelli decisivi in materia di diritti e libertà fondamentali, quindi sul futuro democratico di Ankara. Anche Barroso, di fronte ai giornalisti, ha reso esplicita “la volontà di fare passi in avanti”.

[…]

(il resto, lo leggete qui)

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in politica estera, Turchia e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Erdoğan a Bruxelles

  1. mirkhond ha detto:

    La Turchia che ruolo ha nella vicenda siriana?
    E’ vero che fornisce basi e appoggi ad almeno parte della galassia anti-Assad?

  2. Akhenaton ha detto:

    A mio parere Erdogan avrebbe fatto meglio a tenersi fuori da questa drammatica guerra civile in Siria.

    • Istanbul, Avrupa ha detto:

      e come poteva fare? i profughi siriani qui sono venuti, per starne fuori avrebbe dovuto respingerli: sconfessando cosi’ uno dei principi cardine della propria politica estera

      • Akhenaton ha detto:

        Io credo che lui volesse avere un ruolo determinante nelle conferenze di pace che sarebbero e sono seguite,cosa che non è avvenuta.IMO

  3. secondo quanto ho seguito,Erdoğan credeva che la primavera siriana si sarebbe presto conclusa. Le cose non sono andate cosı’ e la Turchia si e’ trovata con un sacco di profughı a casa. Una vittoria di Assad potrebbe recare gravi danni ai turchi. Di conseguenza ad Erdoğan rimane una sola carta da giocare. Contribuire a qualsiasi azione che potesse eliminare Assad ed in questo modo cercare di aumentare i legami con i curdi siriani. Le cose non sono andate per il meglio ,pero’ le ultime atrocita’ del regime siriano hanno offerto alla Turchia una buona possibilita’ su cui lavorare

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...