Istanbul, Europa: Le mostre a Istanbul, Frammenti d’archivio al SALT


9-Said Bey-cizilmis fotograf(dal mio blog cultural-turistico Istanbul, Europa su Zingarate)

[…]

Al terzo piano, c’è una grande stanza che ospita piccole mostre molto particolari: tutte sul tema degli archivi storici, di epoca sia imperiale sia repubblicana (pre e post 1923). Lo spazio ha un nome che dice già tutto: “Archivi aperti”. La mostra aperta da pochi giorni ha per titolo “Frammenti d’archivio“: e a partire da documenti, da foto e da oggetti vari appartenuti a membro dell’élite burocratica che risponde al nome di Said Bey (vissuto dal 1865 al 1928; interprete di corte, insegnante alla Scuola imperiale) e ai suoi familiari – custoditi e donati al museo dalla pronipote Hatice Gonnet Bağana – è possibile rivivere l’epoca di transizione degli anni 1900-1940. Said Bey era francofono, lo ricorda anche il suo necrologio (“Eccellente francofono, abile conoscitore dei codici comportamentali della civiltà occidentale“): ma tutti i suoi scritti autografi – agende varie, anche lettere – sono in ottomano, scritto coi caratteri arabi fino alla riforma di Atatürk che nel 1928 impose l’alfabeto latino.

[…]

(per leggere il post completo, cliccare qui)

Questa voce è stata pubblicata in arte e mostre, Istanbul, Turchia e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...