La Turchia di Esmahan Aykol


Esmahan Aykol è una scrittrice turca, autrice di alcuni simpatici e piacevoli romanzetti gialli: ho letto il primo – Hotel Bosphorus – e ho in programma di leggermi tutta la serie!

Ieri, per puro caso, mi sono però imbattuto in una sua intervista pubblicata su La Stampa: ennesimo esempio di come i lettori italiani – riguardo la Turchia – vengono sistematicamente disinformati. Dico: ma un intervistatore serio, non dovrebbe incalzare l’intervistato quando le sue risposte fanno a cazzotti con la realtà?

Faccio un esempio:

Come spiega il disamore dei turchi per l’Europa, che un tempo sembrava la loro unica ambizione?

«La Turchia sotto questo governo islamico sta diventando sempre più conservatrice. E anche sempre più xenofoba. Stiamo lì lì per dichiarare guerra alla Siria, siamo ai ferri corti con l’Iraq e tre anni fa lo siamo stati con Israele, cinque anni fa abbiamo avuto problemi con la Georgia… La diffidenza verso Bruxelles e verso l’America sta aumentando, la logica conseguenza di ciò e che i turchi non vogliano più entrare a far parte dell’Europa”.

Ci sarebbe un discorso lungo e complesso da fare sulla Turchia “sempre più conservatrice”: ma ve lo evito. Però, la Turchia “sempre più xenofoba” è qualcosa di inaccettabile: perché non corrisponde ai fatti, che vanno invece in senso contrario! Quali esempi vengono prodotti, infatti? Dei semplici contrasti politici con alcuni vicini: che con la xenofobia nulla hanno a che vedere!

Ma nell’intervista c’è di peggio!

Come riesce Ankara a conciliare islam e democrazia, un modello di sintesi molto apprezzato nel mondo islamico e molto studiato in occidente?

In Turchia un secolo fa c’è stata una grandissima rivoluzione, quella di Ataturk. Ora purtroppo i suoi effetti si stanno indebolendo perchè questo governo islamico ha instaurato un sistema abbastanza autoritario e mette a dura prova i nostri valori. Il problema non è tanto nell’islamicità del governo, dal momento che siamo stati un Paese musulmano e democratico per 70 anni, ma nel suo autoritarismo

La Turchia un paese democratico per 70 anni??? Ma scherziamo? Ma come si fa a parlare di 70 anni di democrazia, se le prime elezioni multi-partitiche sono state indette nel 1946? Ma come si fa a parlare di 70 anni di democrazia, se successivamente ci sono stati 4 colpi di stato – 1960, 1971, 1980, 1997 (quelli riusciti: perché ce ne sono stati anche altri non riusciti) – e se addirittura nel 2007 le forze armate hanno cercato di imporre la propria volontà sull’elezione del presidente della Repubblica?

Questa voce è stata pubblicata in disinformazione, politica interna, Turchia. Contrassegna il permalink.

2 risposte a La Turchia di Esmahan Aykol

  1. eustakyomanopulo1937 ha detto:

    Per capire la situazione odierna turca bisogna capovolgere tutte le affermazioni della signora Esmahan.La signora e’ lei stessa mussulmana,in apparenza, ma in realta’ dimostra una grande inimicizia per l’İslam, e come lei vivono in Turchia moltissime persone della stessa tipologia. Tutte queste persone,grandi amiche di İsraele, sono in completa armonia con tutte le persone viventi all’estero, che non possono sopportare il progresso della Turchia ,in tutti i campi. Anche nella democrazia. Proprio cosı’,la Turchia ha conosciuto la democrazia,anche se parzialmente, solo e soltanto nel periodo erdoganiano.E’ strano ma e’ vero,anche le minoranze che tanto hanno sofferto
    durante i precedenti governi,sono contro Erdogan. Ma perche’ ? Per ignoranza ? o forse ,per esagerata paura preferiscono star vicino ai loro tiranni ? una specie di sindrome di Stoccolma?
    Piaccia o non piaccia, la Turchia e’ sulla buona strada ,malgrado i suoi nemici,e sono molti, interni ed esterni

  2. eustakyomanopulo1937 ha detto:

    ma scusate,il fatto che la sıgnora Esmahan possa permettersi tante calunnie,tante critiche infondate,tante bugie,in perfetta liberta’ di parola,non e’ forse un segno di democrazia ?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...