Il 1° maggio a piazza Taksim


Ormai è una lotta tra buon senso e fanatismo: da una parte, gli inviti a celebrare il 1° maggio rispettando le esigenze di tutti; dall’altra, il grido “o Taksim o morte”!

Ma perché celebrarlo proprio a Taksim, il 1° maggio? La piazza più famosa di Istanbul – e diciamo anche della Turchia – il 1° maggio del 1977 è stata il teatro di una strage: 34 morti, provocati da colpi di arma da fuoco – sparati da chi, non è mai stato appurato – e soprattutto dalla calca che si scatenò. Dopo un trentennale intervallo, nel 2010è stato proprio il governo dell’Akp che ha riaperto la piazza alle manifestazioni; ma dopo quelle successive del 2011 e 2012, nel 2013 – a causa di lavori (la realizzazione di alcuni tunnel), tra l’altro non ancora conclusi – il bagno di folla è stato vietato: dando il pretesto ai soliti violenti di scatenare la guerriglia urbana, un po’ le prove generali di quella del mese successivo per Gezi.

Qual è la proposta del governo? Manifestazione simbolica a piazza Taksim, aperta a dei rappresentanti dei sindacati – di tutti i sindacati, non solo di quelli di estrema sinistra – per deporre corone dei fiori e ricordare i morti del 1977; manifestazione vera e propria nello spazio appositamente creato di Yenikapı, sul mare di Marmara: che può accogliere oltre un milione di persone – senza dover chiudere il centro cittadino, senza provocare disagi a chi non ha intenzione di partecipare alla manifestazione, senza offrire appigli a chi vuole scatenare il caos – ed è raggiungibile in 10 minuti di comoda metropolitana da Taksim. Anzi, per l’occasione i mezzi pubblici saranno gratis per tutti!

Ma non è una proposta ragionevole, questa? Un compromesso che consente a tutti i cittadini turchi di esprimersi in piena libertà? I sindacati duri e puri, spalleggiati da alcune forze d’opposizione, l’hanno però rigettata: “o Taksim o morte”!

 

Questa voce è stata pubblicata in disinformazione, politica interna, Turchia. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Il 1° maggio a piazza Taksim

  1. Antonello Pabis ha detto:

    Sparati da chi, non è mai stato appurato? Questo lo trovo davvero ridicolo.

  2. eustakyomanopulo1937 ha detto:

    grazie per il buon senso.
    Antonello dovrebbe essere piu’ chiaro ed illuminarci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...