Su Panorama: Quel che resta di Gezi (intervista al professor Michelangelo Guida)


4756734-3x2-940x627(da Panorama in edicola questa settimana; la parte introduttiva, con il mio intervento, potete leggerla qui sempre sul blog…)

Il movimento di Gezi ha perso d’intensità perché si è diviso definitivamente in tre gruppi: quello ambientalista, minoritario; la classe media laica, comunque politicamente attiva nella file del partito kemalista Chp; settori della minoranza alevita, i più radicalizzati e violenti. Le proteste del primo e del terzo continueranno, ma in maniera disgiunta: non hanno infatti in comune né metodi, né obiettivi. Se non saranno capaci di creare una piattaforma condivisa, con rivendicazioni chiare e un’organizzazione sul territorio, non potranno andare al di là delle manifestazioni di piazza. L’assetto politico del Paese, con la scadenza delle elezioni presidenziali di agosto, non sembra comunque destinato a cambiare.

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in disinformazione, politica interna, Turchia e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...