Erdoğan, gli ebrei e le bufale di Marta Ottaviani


Turkish PM and Presidential Candidate ErdoganCercherò di non fare commenti, di limitarmi ai soli fatti.

Marta Ottaviani ha scritto un post per il blog collettivo sugli esteri della Stampa (Caffè mondo); il titolo: <Scontri a Istanbul: “Gli ebrei che vivono in Turchia la pagheranno cara!”>, quest’ultima una frase attribuita al presidente della Ihh Bülent Yıldırım (la ong islamista diventata suo malgrado famosa per l’assalto israeliano alla Mavi Marmara, diretta a Gaza).

Ho ascoltato insieme a una persona madrelingua – una prima volta, una seconda volta – l’intervista audio in tv, nel corso della quale avrebbe pronunciato questa frase: ma in effetti, non l’abbiamo sentita! E’ pur vero che Yıldırım in qualche passaggio ha fatto ricorso a una retorica chiaramente anti-semita: riferendosi agli ebrei turchi – e ricchi! – che finanziano Israele; ma ha anche fatto una distinzione – a suo modo, parlando di “sionisti” – tra lo stato di Israele e gli ebrei nel resto del mondo, sostenendo che l’odio scatenato dai “sionisti” lo subiranno anche questi ultimi. Ha in sostanza invitato la comunità ebraica in Turchia a prendere posizione contro le politiche di Israele e contro i massacri di civili a Gaza; ha minacciato, viceversa, nuove manifestazioni (ce ne sono state alcune abbastanza violente contro le sedi diplomatiche israeliane in Turchia) e il boicottaggio delle attività economiche degli “ebrei ricchi”.

Ma non è finita qui: perché tutto l’intervento della Ottaviani è teso a dimostrare che la Turchia è in preda a un’ondata di anti-semitismo dilagante, che in Turchia gli ebrei sono in pericolo e che persino i membri di altre confessioni religiose diverse da quella islamica sono vittime di violenza. Chi mi segue, sa benissimo che la realtà è molto diversa.

Ecco qualche esempio en passant di come, per l’appunto, la realtà viene distorta (anche in modo caricaturale).

Scrive la Ottaviani: “Un’escalation di tensione ampiamente aiutata anche dalla Ihh, la celebre ong, accusata di finanziare proprio Hamas, i cui militanti nel 2010 furono bloccati in acque internazionali dalla marina israeliana mentre si trovavano sulla Mavi Marmara, con la quale stavano cercando di rompere l’embargo e portare viveri sulla Striscia di Gaza, nonostante gli avvertimenti dell’esercito di Gerusalemme. Nello scontro morirono nove cittadini turchi e l’accaduto ha provocato la degenerazione fra i due Paesi, fino a quel momento alleati storici.

Primo, la menzione degli “avvertimenti dell’esercito di Gerusalemme” sembra un maldestro tentativo di minimizzare l’eccidio; secondo, scrivere che “Nello scontro morirono nove cittadini turchi“, l’eccidio lo minimizza eccome: i cittadini turchi, infatti, vennero trucidati dalle truppe speciali israeliane; terzo, Israele e Turchia non sono mai stati “alleati storici“: c’è stata semplicemente un’alleanza militare nata negli anni ’90, poi naufragata col mutamento dei rapporti di forza all’interno della Turchia.

Scrive ancora la Ottaviani: “Il sindaco di Ankara, Melih Gokcek, già autore in passato di uscite anti israeliane, ha scritto sempre su Twitter di non volere un’ambasciata israeliana nella capitale, ignorando forse il fatto che l’ambasciatore di Gerusalemme manca da Ankara ormai da oltre tre anni.

Dico: ma che discorso è? Israele non ha un ambasciatore in Turchia da 3 anni, questo è vero: ma c’è comunque una rappresentanza diplomatica, anche se a livelli molto bassi (in ogni caso, ma l’ambasciatore quando è partito mica poteva portarsi dietro l’ambasciata, no?)!

Di veramente grave, c’è però la dichiarazione del primo ministro Erdoğan; o meglio, di grave c’è come la riporta – in modo parziale e mistificatore – la Ottaviani: che, dopo aver per l’appunto riportato le accuse di “genocidio” lanciate da Erdoğan a Israele, si guarda bene dal sottolineare come però il candidato favorito per le presidenziali del 10 agosto abbia specificato che gli ebrei di Turchia sono sotto la protezione dello Stato!

Di ancor più grave, c’è il paragrafo finale: in cui due episodi avvenuti in precedenza – ma dai contorni poco chiari, magari raccontati ad arte – vengono utilizzati dalla Ottaviani per far credere che in Turchia esiste una violenza diffusa nei confronti dei non-musulmani. No, non è vero!

Questa voce è stata pubblicata in disinformazione, Turchia e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

13 risposte a Erdoğan, gli ebrei e le bufale di Marta Ottaviani

  1. Burhan GORGULU ha detto:

    Questa “MARTA OTTAVIANI” da chi viene pagata ? Mi sa che non solo suo prestigio ma anche il suo ONORE é in pericolo… Mi spiego, o, ha gli occhi ciechi, non potendo vedere inventa le cose, o , ha venduto pure il suo onore al MOSSAD….. Altrimenti non esiste una spiegazione convincente, anche per piu’ ignoranti…. Non degna nemmeno di commentare… Le sue invenzioni non sono veri, e questo lo sappiamo tutti…. Poveraccia….

  2. Gus Mephisto ha detto:

    E pensare che la Ottaviani ha scritto due libri sullaa Turchia di cui è considerata una esperta😦

  3. massimo ha detto:

    ottimo intervento, Giuseppe..
    una confutazione, necessariamente breve ma “definitiva”😀
    purtroppo vi sono molti (a quanto pare anche nella vostra corporazione dei giornalisti :D) che adottano posizioni ideologiche aprioristiche (salvo rimproverarle agli altri :D) che, spesso non hanno alcun rapporto con la realtà !..e, come qualcuno ha detto, se i fatti non hanno relazione con la realtà, tanto peggio per la realtà😀
    sarebbe forse interessante vedere se le stesse parole le usava quando in Turchia c’era veramente un governo non proprio democratico (ad esempio nel 1997).. ah, ma quelii erano laici, kemalisti e con posizione opposta sulla questione che pare le stia tanto a cuore ?…scusate, mi ero distratto..come non scritto😀

  4. Angela Gurgo ha detto:

    Non ho mai trovato nei miei viaggi in giro per la “civilissima Europa” un posto al mondo in cui vi sia una maggior tolleranza religiosa, che si respira nell’aria, che si vive nelle strade. Ammiro Erdogan che è stato uno dei pochi capi di stato che ha avuto il coraggio di dire che quello che si sta perpetrando nella striscia di Gaza è un vero e proprio terrorismo di stato.
    L’ospitalità e la tolleranza dei turchi non si discute, è storicamente nel loro DNA da millenni e nessun commento di parte (Ottaviani o chi per lei) potrà cambiare questa realtà.

    • Burhan GORGULU ha detto:

      Mille grazie Signora (suppongo) ANGELA GURGO per le parole delicate usate nei confronti del mio paese….. Grazie di cuore…. Si capisce che LEI HA GLI OCCHI CHE VEDONO… Lo so che, in questi casi gli occhi fisici non basterebbero per vedere la realta’: ci vuole anche İL CUORE…. Con i miei rispetti…

  5. Istanbul, Avrupa ha detto:

    pensa che questa persona ha vissuto per alcuni anni in Turchia: eppure, i suoi pregiudizi le hanno impedito di capirla…

  6. Pingback: Marta Ottaviani: metodi e bufale | Istanbul, Avrupa

  7. giancarlo massimi ha detto:

    amavo i t urchi, mi erano simpatici finchè ne ho conosciuto uno sposato da 12 anni con mia figlia, accolto nella mia casa e mantenuto per 6 anni consentendogli di comperare una casa ho comperato per lui persino la macchina una mercedes classe A lo scorso anno mi ha cacciato dalla sua casa con queste parole :riferendosi a me e mia moglie, andate affanculo dalla mia casa, e questo soltanto perchè mia moglie non gli parlava in quanto lui non aveva voluto dare un po di latte ai banbini, cosa che prendevano tutte le sere. Fatemi parlare con uno che parla bene dei turchi me lo mangio!!!!!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...