Donatella Piatti: la rabbia e l’islamofobia


Donatella Piatti c’ha lasciati.

Donatella Piatti, bolognese che per anni ha vissuto in Turchia conducendo diversi programmi di cucina, ha deciso di lasciare Istanbul perché spaventata da quella crescente islamizzazione/estremizzazione di cui, a suo dire, sarebbe vittima il Paese. E fin qui nulla di nuovo, poiché già qualche mese fa aveva espresso timori analoghi in un articolo per la Gazzetta di Istanbul. I turchi si starebbero organizzando per conquistare l’Europa, da bravi terroristi islamici, e per riuscirci si riproducono facendo sempre più figli. Perché i turchi non sono “fessi” come “noi europei”. Già, la sindrome del Fesso.

Questa volta, però, la nostra è andata oltre, e nella rubrica di Beppe Servegnini per il CorSera ha dato un eccellente esempio di come non vi sia argine al Cretino lamentando nell’ordine: estremismo, terrorismo islamico, preoccupazione perché nello stesso quartiere ci sono 2 o 3 moschee (anche il piano regolatore è islamizzato, sì), fastidio per i muezzin che “urlano” e lo fanno addirittura in arabo (siamo alla crociata linguistica). Ce n’è per tutti, pure per l’aumento dei prezzi degli alcolici (ma questo è un evergreen dello spauracchio dell’islamizzazione, e di chi non sa che restrizioni sulla vendita degli alcolici dopo una certa ora sono tutt’ora vigenti in contesti ben più “europei”).

La Piatti se la canta e se la suona: lei può dire tranquillamente che i turchi non sono “fessi” come “noi europei”, loro si riproducono, FANNO FIGLI, però nessuno può tacciarla di razzismo o intolleranza religiosa per queste frasi, perché lei diceva “Bismillah” e “Inshallah” prima ancora che noi conoscessimo il significato di queste parole con le canzoni di Sting e dei Queen (ma che discorso è? Ho visto italiani comprare nei negozi cinesi, eppure continuano a ritenerli “esseri culturalmente inferiori”…).

Il Boğazkere – superbo rosso dell’Anatolia – è diventato un lusso per pochi, le sue cavolate in merito di storia e attualità turca, invece, un tedio per molti: il governo turco- per la signora Piatti- dice alle donne come vestirsi, che costume portare, ai loro mariti quando e come picchiarle, come comportarsi in pubblico. A sentire la Piatti, mi tornano in mente le immagini girate a Raqqa da VICE, salvo poi ricordare che quella è la capitale dello Stato Islamico dell’ISIS, e che lì la legge vigente è dichiaratamente quella della shar’ia, non la Turchia e Istanbul. Anche perché poi non si capisce bene cosa ci sia di terroristico nel costruire moschee in uno Stato in cui la maggior parte degli abitanti è di fede musulmana, cosa ci sia di aberrante nei muezzin e nella loro chiamata alla preghiera (certo, ad Istanbul non è affascinante come in Anatolia), e soprattutto perché delle opinioni date a caso da qualche politico (vedi Arinç sul ridere “sguaiato” di alcune donne), dovrebbero poi condizionare concretamente le scelte dei cittadini, laddove non vi sono leggi che impongano particolari norme di comportamento. I toni da Oriana Fallaci degli ultimi anni usati dalla Piatti, appaiono francamente immotivati, esagerati. Ma perché tutto questo rancore verso un luogo che è stato casa sua per 36 anni? Perché darne un’immagine tanto negativa ai lettori italiani sulla versione web di una delle testate più popolari?

Questa voce è stata pubblicata in disinformazione, Islam, Turchia. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Donatella Piatti: la rabbia e l’islamofobia

  1. Burhan GORGULU ha detto:

    Questa donna,detto “DONATELLA PIATTI” dopo aver vissuta quasi 36 anni a Istanbul, ha detto queste cose ? Allora é, una “ignoranza” in persona… Ma con quale gente parlava tutti i giorni ? Solo con gli ESTREMISTI ? Come se io, essendo musulmano, mi lamentassi dalle esistenze delle chiese in ogni angolo della citta Italiane… Scommetto che, qualcuno abbia offerto del denaro per dire e scrivere tutto questa menzogne….. Io che vivo da quasi 53 anni in Italia, mi guarderei bene di dire certe scemenze sulle cose italiane che mi cozzerebbero ai miei nervi.. Malgrado che io sia un cittadino italiano a tutti gli effetti, non ho aperto la bocca nemmeno una volta per criticare LA VITA POLITICA ITALIANA…. Paese che vai, abitudini che trovi…..Percio, non voglio perdere le staffe contro a questa donna…. Il mio augurio é che “viva tanto lunga con la ignoranza, per far ridere la gente che conosce la verita’.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...