Riscoprire Istanbul: Un velo non fa primavera (islamica)


A00Nuovo articolo per la mia rubrica Riscoprire Istanbul su I fiori del male.

A Istanbul nell’abbigliamento femminile è in corso una vera rivoluzione. Pur rispettando i dettami dell’islam sta diventando sempre più raffinato, modaiolo e femminile. Tanto da esprimersi con colori forti e suggestioni “aderenti”. E le riviste patinate lanciano modelle “velate” alla guida di macchine cabriolet rosse fiammeggianti. Tutto questo per dire che spesso la realtà sconfigge i pregiudizi.

Ormai è una psicosi: gli italiani residenti o di passaggio a Istanbul – per turismo, per studio, per affari – si lamentano perché “le donne velate sono di più”. Ma di più, rispetto a quando? E soprattutto, costoro passano forse il loro tempo in città a contarle? Le contano tutte? Che poi: anche se fosse, quale sarebbe il problema? Un foulard sulla testa, non rende di certo pericolosi o infidi: è di un pezzo di stoffa che stiamo parlando! Per riflusso d’orientalismo, ingigantito dall’11 settembre e dagli epigoni dello “scontro di civiltà”, però è vero che le donne col capo coperto “creano sospetti e paure, sono considerate una minaccia alla sicurezza, ai valori secolari e ai diritti conquistati dalle donne” (Renata Pepicelli, Il velo nell’islam, Carocci 2012). Paura del diverso, paura del minaccioso islam.

[…]

(per continuare a leggere, cliccate qui)

Questa voce è stata pubblicata in disinformazione, Islam, Turchia e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...